Pastori Sardegna pronti a sit-in Sassari

Mobilitazione per prima udienza su proteste, otto gli indagati

Lo strascico giudiziario dei due mesi di mobilitazione che, lo scorso anno, avevano portato alla ribalta nazionale la vertenza dei produttori di latte ovino in Sardegna entra nel vivo e i pastori sono pronti a nuove proteste di piazza. Stavolta davanti ai tribunali dove si svolgeranno le udienze per i pastori, familiari e semplici cittadini chiamati a difendersi per le manifestazioni spontanee e per i blocchi stradali del febbraio 2019: circa un migliaio gli avvisi di garanzia recapitati. E in questi giorni ne continuano ad arrivare.

Dopo il primo sit-in davanti il palazzo di Giustizia di Nuoro, dove la posizione di tre indagati è stata archiviata, il prossimo 24 gennaio nuovo presidio a Sassari per la prima vera udienza sulle manifestazioni. Davanti alla giudice monocratica di Sassari Valentina Nuvoli compariranno, infatti, otto pastori finiti sotto inchiesta dopo le proteste a Bonorva (Sassari). Il sit-in è fissato per le 9 in via Roma.

"Non lasciamoli soli. La guerra era di tutti e i processi devono essere di tutti. Sostenerli è un nostro dovere: la solidarietà è la nostra forza. Noi ci saremo!", è l'appello lanciato dai portavoce dei pastori senza bandiera, Gianuario Falchi e Nenneddu Sanna.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie