Beni confiscati:polemica tra Ateneo Palermo e Antimafia Ars

Botta e risposta tra Rettore Università e presidente Commissione

(ANSA) - PALERMO, 24 FEB - La relazione sulla gestione dei beni confiscati presentata dall'Antimafia regionale ha scatenato una polemica a distanza a colpi di comunicati stampa. A innescarla è stata il rettore di Palermo, Fabrizio Micari, a nome dell'Ateneo, alla quale è arrivata la risposta del presidente della commissione regionale Claudio Fava. Micari, con il professor Alessandro Bellavista, direttore del Dipartimento di scienze politiche e il professor Aldo Schiavello, direttore del Dipartimento di giurisprudenza, criticano duramente il documento. E difendono i corsi di Alta formazione per amministratori giudiziari organizzati dall'Ateneo. "Apprendiamo- scrivono- che, nella relazione conclusiva dell'inchiesta sui beni sequestrati e confiscati in Sicilia, si trascrivono le dichiarazioni di un tal Cavallotti, qualificato come 'imprenditore', rese in audizione, secondo cui 'si facevano corsi di alta formazione…si davano attestati alle persone che partecipavano, quindi, in due giorni si pensa di insegnare agli avvocati e ai commercialisti come si amministrano aziende… chi teneva questi corsi? I giudici, gli amministratori, i prefetti… ma che competenze manageriali possono avere questi soggetti?'".
    Ribatte Fava: "In tre anni di attività abbiamo audito, nel corso dei nostri lavori, oltre quattrocento persone e non sempre (anzi: raramente) abbiamo condiviso lo spirito o il merito delle loro affermazioni. Censurare un audito (temendo altri possano sentirsi offesi per associazione di idee) è un'idea alquanto originale del rigore e della limpidezza con cui una Commissione parlamentare d'inchiesta è tenuta ad operare", aggiunge. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie