Ruby ter: teste,Karima pagò 50mila euro contanti per vacanza

'Alle Maldive, tutti comfort'. Ristoratrice, 6mila euro per festa

"E' stata sicuramente una situazione unica per me, ha pagato tutto in contanti, era un viaggio che costava molto, oltre 50mila euro, mi pare". Così la titolare di un'agenzia viaggi, testimoniando nel processo milanese sul caso 'Ruby ter', ha parlato di una vacanza alle Maldive di Ruby "cinque anni fa", in una delle deposizioni previste per oggi sulle spese 'faraoniche' di Karima El Mahroug che, secondo i pm, sarebbero state finanziate da Silvio Berlusconi, tra gli imputati per corruzione in atti giudiziari, per comprare il suo silenzio sulle serate ad Arcore.

Già a verbale nelle indagini nel 2015 la testimone aveva raccontato di quella vacanza organizzata per Ruby, sua figlia, la baby sitter e il compagno dell'epoca Luca Risso e pagata "tra i 55mila e i 60mila euro".

Oggi ha aggiunto anche: "Volevano avere tutti i comfort". Un'altra teste, titolare di un ristorante a Milano, ha raccontato che la giovane marocchina pagò "6 mila euro in contanti"

per la sua festa di compleanno nel locale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA