Libri
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Libri
  4. Altre Proposte
  5. Le Figlie della Repubblica e i padri 'eccellenti'

Le Figlie della Repubblica e i padri 'eccellenti'

Podcast Fondazione De Gasperi svela storia con ricordi familiari

 Figlie che con sguardo amorevole raccontano padri "eccellenti", per restituire mescolando le dinamiche umane a quelle politiche alcune delle pagine cruciali della storia italiana: è disponibile in questi giorni "Le Figlie della Repubblica", podcast della Fondazione De Gasperi nato da un'idea di Martina Bacigalupi, realizzato da Ways - the storytelling agency, con il contributo di Fondazione Cariplo.
    Protagoniste delle prime cinque puntate, in uscita a cadenza settimanale sulle principali piattaforme (ma il progetto sarà diffuso anche nelle scuole superiori come strumento di educazione civica), Maria Romana De Gasperi, Serena Andreotti, Stefania Craxi, Flavia Piccoli Nardelli e Chiara Ingrao che tra ricordi privati ed emozioni conducono un racconto vivo e intenso capace di inquadrare i loro padri (Alcide De Gasperi, Giulio Andreotti, Bettino Craxi, Flaminio Piccoli, Pietro Ingrao), e con essi anche la Storia, da una prospettiva inedita.
    Scritto e diretto da Emmanuel Exitu con la supervisione storica di Antonio Bonatesta e la voce narrante del giornalista Alessandro Banfi che guida gli ascoltatori a comprendere il contesto storico, il podcast, attraverso le figure di grandi personaggi e gli aneddoti e i momenti di vita familiare che li riguardano, delinea per il pubblico il delicato e complesso processo che ha portato l'Italia verso la democrazia e la Repubblica. Davvero tante le "istantanee" private offerte al pubblico: lo "shopping immaginario" in via Cola di Rienzo, guardando le vetrine e facendo finta di avere soldi per comprare qualcosa, di Alcide De Gasperi insieme alla moglie Francesca Romana raccontato dalla figlia Maria Romana De Gasperi; l'allegria e l'umorismo dei pranzi in casa Andreotti rievocati dalla figlia Serena, ma anche la rivelazione delle lacrime di Giulio di fronte alla notizia dell'uccisione di Aldo Moro. O ancora Stefania Craxi, che da bambina seguiva il papà Bettino nelle campagne elettorali pur di trascorrere del tempo con lui, intenta a ricordare quanto la politica fosse "una signora che sedeva a tavola con noi tutte le sere", o Chiara Ingrao che svela la nascita della storia d'amore tra Pietro Ingrao e Laura Lombardo Radice negli anni del Fascismo, quando per scambiarsi documenti e informazioni, fingevano di essere fidanzati per incontrarsi al cinema o al parco. E poi Flavia Piccoli Nardelli con il papà Flaminio Piccoli, nella consuetudine di lunghe passeggiate serali nella fredda Trento, a scambiarsi pensieri e confessioni.
    "È stata la signora Maria Romana De Gasperi, nostra presidente onoraria, a dare l'ispirazione per questo progetto.
    Ogni volta che ci racconta di suo padre, dalle sue parole emerge la figura dell'uomo prima che quella del politico: un Alcide De Gasperi determinato ma al tempo stesso sensibile, essenziale ma anche generoso", ha spiegato Martina Bacigalupi, responsabile Strategia e Sviluppo Fondazione De Gasperi. "Per questo motivo ho pensato di raccontare quella parte della nostra memoria storica che non compare nei libri, attraverso testimonianze autentiche come quelle delle figlie che hanno guardato e accompagnato questi grandi personaggi". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie