Libri
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Libri
  4. Approfondimenti
  5. "Chi ha tradito Anne Frank" e tanti memoir

"Chi ha tradito Anne Frank" e tanti memoir

Il Diario letto da più di 30 milioni di persone in tutto il mondo

ROMA - La scoperta scioccante di 'CHI HA TRADITO ANNE FRANK' (HarperCollins) in una nuova indagine che si avvale delle più moderne tecniche sviluppate dall'Fbi, nel saggio della canadese Rosemary Sullivan. E' uno dei titoli più attesi insieme a 'LA BAMBINA CHE NON SAPEVA ODIARE' (Solferino) della polacca LIDIA MAKSYMOWICH con Paolo Rodari e la prefazione di Papa Francesco, che dal 23 gennaio verrà in Italia per l'udienza papale e per un incontro istituzionale in Senato, che arrivano in libreria per il Giorno della Memoria del 27 gennaio.

Con le testimonianze, uniche e sempre più preziose, di chi ha vissuto la deportazione e i campi di concentramento si riapre uno squarcio sull'orrore e la disumanità. La MAKSYMOWICH, che a tre anni è stata rinchiusa con la madre ad Auschwitz-Birkenau dove è rimasta per tredici mesi, diventando una delle piccole "cavie" degli esperimenti del dottor Josef Mengele, ripercorre quell'esperienza terribile ne 'LA BAMBINA CHE NON SAPEVA ODIARE'. E l'israeliano di origini tedesca THOMAS GEVE, 92 anni, internato ad Auschwitz poco più che bambino si racconta in 'IL RAGAZZO CHE DISEGNÒ AUSCHWITZ' (Einaudi). C'è anche la storia di un gruppo di bambini e ragazzi ebrei salvati a Nonantola, in provincia di Modena, tra l'estate del '42 e il settembre del '43, a cui da voce IVAN SCIAPECONI, nell'atteso '40 CAPPOTTI E UN BOTTONE' (Piemme) e quella di 25 giovani internate ad Auschwitz-Birkenau, selezionate per disegnare, tagliare e cucire capi d'alta moda destinati alle mogli delle SS del lager ne 'LE SARTE DI AUSCHWITZ' (Rizzoli) di LUCY ADLINGTON.
    Simbolo dello sterminio nazista degli ebrei, Anne Frank e il suo Diario, letto da più di trenta milioni di persone in tutto il mondo, è diventato l'oggetto di un'indagine mai condotta prima. La Sullivan in 'CHI HA TRADITO ANNE FRANK' ci presenta gli investigatori che hanno collaborato al caso, spiega il comportamento dei prigionieri e di chi li catturati, stila un profilo psicologico dei principali sospettati e descrive come si viveva in tempo di guerra ad Amsterdam, una cittadina in cui a prescindere da quanto eri ricco, istruito o prudente, non sapevi mai di chi ti potevi fidare.

Del Diario, riproposto in diverse versioni, spicca una proposta davvero originale: 'DOV'È ANNE FRANK' (Einaudi Super Et) del regista israeliano ARI FOLMAN con la disegnatrice LENA GUBERMAN, nella traduzione di Carla Palmieri. Folman, dopo aver realizzato il graphic novel tratto dal Diario di Anna Frank, questa volta racconta la storia di Anne dal punto di vista insolito di Kitty, l'amica immaginaria a cui sono confidati i segreti del Diario e ci restituisce tutta l'attualità del messaggio di Anne.

Dai memoir ai saggi, alle novità, riedizioni e nuove edizioni ampliate, i libri in uscita sono un invito a non dimenticare e a rimettersi in ascolto. E' così per VIRGINIA GATTEGNO, oggi una signora di 99 anni che vive a Venezia dove è stata maestra, deportata con la sua famiglia nel 1944 e internata ad Auschwitz col numero di matricola A-2434, che ritorna con l'aiuto dell'autore per ragazzi ed esperto di ebraismo MATTEO CORRADINI a quei terribili giorni in 'PER CHI SPLENDE QUESTO LUME' (Rizzoli). Scavando negli archivi inediti del memoriale della Shoah di cui è responsabile, Karen Taïeb alterna cartoline ufficiali e carteggi clandestini, riuscendo a ricostruire tassello dopo tassello la storia personale di ventidue deportati in LETTERE DA AUSCHWITZ, Storie ritrovate nella corrispondenza inedita dal lager (Utet).

E per ESTHER LEDERMAN, sopravvissuta all'Olocausto e membro del North Carolina's Holocaust Speakers Bureau, che in LA VITA NASCOSTA (Guanda) racconta come sia sopravvissuta all'Olocausto nascondendosi per ventidue mesi in una fattoria di cattolici, trovando rifugio proprio in Germania per riuscire poi ad approdare avventurosamente negli Stati Uniti.

E' un romanzo-testimonianza quello di RICCARDO CALIMANI, uno dei massimi studiosi ed esperti di Venezia e della storia degli ebrei italiani, che in 'COME FOGLIE AL VENTO' (Mondadori) alterna i documenti al ricordo personale in uno struggente racconto di un nonno ai nipotini in cui ripercorrere i giorni drammatici delle persecuzioni contro gli ebrei veneziani. E in 'LO SHTETL PERDUTO' (E/O) lo scrittore e giornalista MAX GROSS, nato a New York nel 1978, riporta in vita il rutilante microcosmo dello shtetl (villaggio abitato da ebrei yiddish) dell'Europa orientale.

Tornano il romanzo di LIA LEVI, vincitrice del Premio Strega Giovani nel 2018, 'OGNUNO ACCANTO ALLA SUA NOTTE' (E/O), ambientato a Roma nel periodo delle legge razziali e 'LETTERA ALLA MADRE' (La nave di Teseo) di EDITH BRUCK, anche lei vincitrice dello Strega Giovani nel 2021, con una nuova introduzione dell'autrice, scritto all'indomani della morte di Primo Levi. Si rivolge ai ragazzi 'L'AQUILONE DI NOAH' (Uovo Nero) di RAFAEL SALMERON, ambientato a Cracovia durante la seconda guerra mondiale, che racconta la Shoah, l'autismo e la complessità delle relazioni umane senza cadere negli stereotipi.

Ne 'I MIRACOLI ESISTONO' (Mondadori Ragazzi) SARA RATTARO racconta l'impresa straordinaria di Giorgio Perlasca attraverso i racconti della testimone Brigitte e di Alice, fra passato e presente, fra le ombre atroci della Shoah e i conflitti dell'adolescenza, con la prefazione di Franco Perlasca. E per i più piccoli, ma non solo, l'albo illustrato sulla storia di Bartali staffetta partigiana che ha salvato centinaia di bambini, donne e uomini ebrei perseguitati: 'LA BICI DI BARTALI' (HarperCollins) di MEGAN HOYT con immagini di Iacopo Bruno, tradotto da Enrico Brizzi e arriva anche 'Dopo la notte. In fuga dall'Olocausto' (Einaudi Ragazzi), scritto e illustrato da Uri Shulevitz.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie