Libri
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Libri
  4. L'intervista
  5. Mia Kankimaki, seguiamo i consigli di donne coraggiose

Mia Kankimaki, seguiamo i consigli di donne coraggiose

La scrittrice finlandese racconta tra le altre Artemisia e Blixen

ROMA - Sono donne coraggiose, famose e anche poco conosciute, che hanno vissuto in diverse epoche e parti dal mondo, da Artemisia Gentileschi a Karen Blixen e da Sofonisba Anguissola a Isabella Bird, le "ispiratrici" della scrittrice finlandese Mia Kankimaki che ripercorre la loro storia nel libro 'Le donne a cui penso di notte', pubblicato da Neri Pozza. E l'invito è di "seguire i loro consigli" perché "molte cose sono cambiate, ma tante sono ancora terribilmente uguali" dice all'ANSA la Kankimaki, ospite in questi giorni dell'Istituto di Finlandia a Roma, dove sta lavorando al suo nuovo libro.
    "Quando stavo scrivendo il capitolo sulla pittrice Artemisia Gentileschi e sulla violenza sessuale che aveva subito da Agostino Tassi dove il padre l'aveva mandata per affinare la tecnica prospettica, venne fuori il Movimento #MeToo e per me è stato uno shock realizzare che tante cose oggi sono ancora uguali al Cinquecento. Davvero non bisogna fermarsi, c'è ancora molto da fare per le pari opportunità e contro la violenza alle donne" sottolinea la Kankimaki tutta vestita di nero con due grandi occhi azzurri.
    "Ho fatto un viaggio di esplorazione, ho cercato di creare una conversazione con le donne che racconto nel mio libro. Ho raccolto diversi consigli che in alcune situazioni della vita sono stati utili per il mio lavoro, per i viaggi che faccio, per scrivere, per fare arte. Consigli concreti come 'se sai quello che vuoi fare, fallo. Se nessuno che conosci lo ha mai fatto, meglio così' e scoperte che vorrei passare ai lettori e alle lettrici" racconta la scrittrice che vedrà il suo libro diventare una serie tv. "Il progetto è fantastico, ma è ancora all'inizio. Non so come si svilupperà e sarà interessante vedere come un libro di questo genere possa essere trasformato in una serie tv. La società produttrice è finlandese, le registe saranno due donne perché per una parte sarà fiction e per l'altra raccoglierà materiale documentale. Sarà ibrido come il libro. Io collaborerò ma non so ancora in che forma".
    Scegliere tra tante donne per la Kankimaki, che nel libro ripercorre tra le altre anche la vita dell'artista d'avanguardia giapponese Yayoi Kusama, di Battista Sforza, Beatrice d'Este e Nellie Bly, non è stato facile. "Uno dei criteri sono stati i luoghi in cui volevo viaggiare: l'Africa Orientale, l'Italia e il Giappone. Ho cercato anche donne con le quali mi potessi identificare e ne ho trovate tantissime che avrebbero meritato fosse scritta la loro storia e poi sono state dimenticate. Un esempio è la scrittrice britannica Isabella Bird che a 40 anni soffriva di insonnia, mal di testa, forse era depressa, stava sempre male e su consiglio di un medico è partita e ha viaggiato in condizioni estremamente dure per 30 anni in tutto il mondo e ha scritto una decina di libri. E' stata una grande fonte di ispirazione per me".
    Ma cosa accomuna queste donne? "Il fatto che sono state capaci di cambiare la loro vita in un'età avanzata e sono state attive fino a 80, 90, quasi 100 anni di età. Karen Blixen ha iniziato a scrivere quando aveva 46 anni ed è diventata famosa e conosciuta grazie ai suoi libri. Questo vuol dire che non è vero che a vent'anni noi stabiliamo già le basi per la nostra vita futura e poi basta. Possiamo farlo anche a 40 o 60 anni" dice la Kankimaki. E aggiunge: "Per me una grande scoperta è stata che queste donne hanno fatto cose straordinarie, sono state estremamente coraggiose ma non erano delle super donne. Erano persone normali che stavano male, non avevano soldi, a volte poca istruzione e nessun supporto dalla società. Nonostante tutto questo sono riuscite a fare quello che hanno fatto. Quando ho cominciato la ricerca mi sono stupita del grandissimo materiale che ho trovato. Si potrebbe scrivere un'intera enciclopedia sulle donne che meriterebbero di essere conosciute e ricordate".
    C'è dunque materiale per un terzo volume dopo 'Cose che fanno battere più forte il cuore', (Piemme 2014), ormai introvabile in Italia, dedicato a una dama di corte giapponese e 'Le donne a cui penso di notte'? "Si, vorrei scriverlo, ma adesso sto lavorando a un nuovo libro collegato al Giappone. La cultura tradizionale giapponese è una mia passione, mi attrae. Sono stata in Giappone più volte e ho sempre voglia di tornarci.
    Dovrei andare nel marzo 2022, dopo aver spostato il viaggio per due anni a causa della pandemia. Vedremo, se non resterò a Helsinki a scrivere con il materiale che ho" dice la scrittrice-viaggiatrice, molto pacata e riservata, che ha lavorato nell'editoria finlandese e nel 2010 ha lasciato tutto per andare in Giappone e scrivere il suo primo libro. Tutti hanno una struttura ibrida: "Ci sono i miei diari di viaggio, le storie delle donne vissute anni fa, un po' di fiction e a tratti elementi di letteratura. Provo a fare un mix di stili e ho la sensazione che con questa leggerezza, a volte un po' giocosa, riesco ad abbreviare la distanza tra me e le donne di cui racconto" spiega nella biblioteca dell'Istituto di Finlandia a Roma. 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie