Aston Martin DBS Superleggera Volante, la scoperta da record

Con 340 km/h convertibile più veloce nella storia della Casa

Motori Prove e Novità
Chiudi Aston Martin DBS Superleggera Volante, la scoperta da record (ANSA) Aston Martin DBS Superleggera Volante, la scoperta da record

Con DBS Superleggera Volante Aston Martin aggiunge alla sua gamma di supersportive la convertibile più veloce nella storia dell'azienda, dato che questa potente 'scoperta' (715 Cv) raggiunge una velocità massima pari a 340 km/h. L'ultima arrivata dalla Casa di Gaydon - che è stata progettata sotto la guida del vicepresidente esecutivo e COO Marek Reichman - utilizza lo stesso V12 5.2 biturbo della DBS coupé e mette a disposizione una coppia di ben 900 Nm che consente di scattare da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e da 0 a 100 miglia/h in 6,7 secondi. DBS Superleggera Volante propone quello che l'azienda definisce 'capolavoro aerodinamico' ottenuto per la modello coupé, sfruttando il flusso d'aria superficiale per ottenere il massimo effetto. Nella parte anteriore, lo splitter e l'airdam lavorano all'unisono, accelerando il flusso d'aria sotto la parte anteriore dell'auto e fornire così la massima deportanza e assicurare il raffreddamento anche dei freni anteriori. La nuova linea di cintura laterale attira poi più aria dal passaruota anteriore per ridurre il sollevamento e favorire la stabilità ad alta velocità. Oltre le ruote, la curvatura della carrozzeria consente all'aria di sfuggire e scorrere uniformemente lungo i fianchi, mentre il doppio diffusore nella parte posteriore consente all'aria di uscire in modo pulito e neutralizzare la tendenza al sollevamento nel modo più efficiente possibile. Una versione riveduta del rivoluzionario sistema Aeroblade - in funzione della linea del tetto in tela - fornisce carico aerodinamico aggiuntivo nella parte posteriore dell'auto. Alla velocità massima, DBS Superleggera Volante produce 177 kg di carico aerodinamico, appena 3 kg in meno rispetto alla coupé, un risultato impressionante se si considerano i cambiamenti aerodinamici di questa versione. Per il tetto in tessuto della Volante sono stati utilizzati otto strati di materiali che migliorano l'isolamento acustico e quello termico, applicati ad un meccanismo che richiede 14 secondi per aprirsi e 16 secondi per chiudersi e può essere azionato dall'interno o, per maggiore comodità, dalla chiave entro un raggio di due metri dall'auto. Il rivestimento della capote della DBS Superleggera Volante è disponibile in otto diversi colori, tra cui Bordeaux Red, Atlantic Blue e Titan Grey e può essere ulteriormente personalizzato all'interno, con altre sei varianti del tessuto Rokona. Per la prima volta su una Aston Martin Volante, il rivestimento della cornice interna del parabrezza è disponibile con un rivestimento in fibra di carbonio 2x2 twill, in sostituzione della pelle. E riferendosi al sound che si percepisce nell'abitacolo quando la capote è abbassata Andy Palmer presidente e CEO della Casa di Gaydon ha commentato:''Non c'è nulla al mondo che possa essere paragonato al ruggito di un V12 Aston Martin e credo che la DBS Superleggera Volante offra una delle più grandi esperienze sensoriali nel mondo automobilistico''. Le prime consegne della DBS Superleggera Volante, che costa 285.000 euro tasse escluse, sono previste per il prossimo autunno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

E' online il primo ebook sulle startup italiane del food

Selezionate 70 attività agrifood tech della penisola

Terra & Gusto Business
Chiudi . (ANSA) .

ROMA - E' online il primo ebook gratuito che racconta lo status attuale delle startup del settore food in Italia. La pubblicazione, dal titolo "L'AgriFood Tech in Italia", è realizzata da Startup Geeks, blog dedicato alle startup italiane.

L'ebook - spiega una nota - è sviluppato su più di 70 startup selezionate nel territorio divise in cinque macroaree: AgriTech, Food Service, Food Science, Social Eating ed E-commerce. Ogni pagina descrive una startup e la sua idea innovativa. "La redazione della guida - spiegano i promotori - è avvenuta tramite dati raccolti da vari report e con la collaborazione di incubatori che contribuiscono quotidianamente alla crescita del panorama delle startup in Italia".

L'ebook, destinato agli appassionati e agli innovatori dell'AgriFood e del FoodTech, dopo una prima parte di definizioni, mostra - viene precisato nel dettaglio - anche una panoramica generale sul piano internazionale andando ad approfondire l'Europa, le sue startup in ambito food e gli investimenti fatti pari a 6,5 miliardi di euro dal 2013 nei Paesi dell'Unione.

L'Italia, in un'analisi comparata tra gli Stati membri, è al quinto posto per numero di round di finanziamento. Nel 2018 le startup selezionate dalla guida - fanno presente infine i responsabili del blog Startup Geeks - hanno raccolto parte dei 25 milioni di euro di investimenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

I muscoli artificiali vanno in palestra, come quelli veri

L'allenamento li rende più forti, per i robot

Scienza & Tecnica Tecnologie
Chiudi Particolare della struttura delle fibre in un muscolo artificiale di idrogel (fonte: Ji Liu, Shaoting Lin, Xinyue Liu) (ANSA) Particolare della struttura delle fibre in un muscolo artificiale di idrogel (fonte: Ji Liu, Shaoting Lin, Xinyue Liu)

Anche i muscoli artificiali hanno bisogno di andare in palestra, proprio come quelli veri: sottoponendoli a un intenso "allenamento", in cui vengono allungati ripetutamente in acqua, si può ottenere quella combinazione unica di caratteristiche che rendono i muscoli umani forti, resistenti e flessibili. Lo ha scoperto il gruppo del Massachusetts Institute of Technology (Mit) che ha messo a punto muscoli sintetici composti di idrogel, un materiale composto per il 90% di acqua.

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista dell'Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas), questi materiali potranno essere utili per sostituirevalvole cardiache e cartilagine, ma anche per i robot soffici. La scoperta è avvenuta un po' per caso: i ricercatori, guidati da Xinyue Liu, stavano sottoponendo i muscoli sintetici a cicli di allungamento per scoprire quando raggiungono il loro punto di rottura. Hanno invece constatato con sorpresa che la sessione di allenamento stava rendendo il materiale più resistente. "Il fenomeno può sembrare controintuitivo, ma presenta molti punti in comune con il meccanismo che fa sì che i muscoli siano più forti dopo un allenamento in palestra", commenta Shaoting Lin, uno degli autori dello studio.


Rappresentazione grafica dell'allenamento cui vengono sottoposti i muscoli artificiali (fonte: MIT)

 

Prima della sessione di allungamento, le nanofibre che compongono l'idrogel sono disposte in maniera casuale. "Durante il processo - aggiunge Lin - ci siamo resi conto che le nanofibre si allineavano tutte in maniera ordinata, conferendo al materiale forza, flessibilità, resistenza e capacità di trattenere l'acqua". Le caratteristiche tipiche dei muscoli umani sono emerse dopo circa 1.000 cicli di allungamento, ma alcuni muscoli sono stati sottoposti a oltre 30.000 "allenamenti" senza rompersi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

25 aprile: in partenza 6,5 milioni di italiani

Coldiretti/Ixe': metà rientrerà domenica, il resto il 1 maggio

Terra & Gusto In breve
Chiudi . (ANSA) .

ROMA - Sono 6,5 milioni gli italiani che hanno scelto di partire per una vacanza sfruttando il ponte della Liberazione, una metà dei quali rientrerà la prossima domenica mentre l'altra prolungherà la vacanza fino al primo maggio, nonostante il tempo incerto al Nord. E' quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixe' dalla quale si evidenzia che la pluralità di combinazioni favorevoli favorisce uno scaglionamento delle partenze per i ponti di primavera.

"Gli italiani per il 25 aprile - sottolinea la Coldiretti - si dividono tra quanti, soprattutto al centro sud, con le alte temperature e la riapertura degli stabilimenti balneari scelgono la spiaggia dove affrontare la prima prova costume della stagione e quelli che prediligono invece il relax nel verde, quest'anno particolarmente di "tendenza", sostenuto da una maggiore sensibilità ambientale". Non a caso, precisa Coldiretti, "tra le mete preferite oltre al mare scelto dal 40% e alle città d'arte ci sono anche la montagna, i parchi naturali e la campagna".

"Il successo del turismo ecologico e ambientale è dovuto - continua la Coldiretti - ai costi contenuti, all'elevato valore educativo e alla pluralità di mete disponibili senza dover percorrere grandi distanze, in un Paese come l'Italia che può contare su quasi 900 parchi e aree naturali protette che coprono il 10% del territorio nazionale".

"Gli alloggi piu' gettonati - sottolinea la Coldiretti - sono le case in proprietà o in affitto, gli alberghi, i bed and breakfast e gli agriturismi dove per il 25 aprile si prevedono tra italiani e stranieri almeno trecentomila presenze a tavola, spinte dalla voglia di stare all'aria aperta e alla ricerca del buon cibo secondo elaborazioni Coldiretti su dati Campagna Amica".

Nonostante le grandi richieste la tendenza è ancora quella della prenotazione last minute, ma per scegliere l'agriturismo giusto il consiglio, continua Coldiretti, è quello di preferire aziende accreditate da associazioni e di rivolgersi su internet a siti come www.campagnamica.it o Terrranotra.it dove è possibile confrontare le diverse offerte. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Avviata la riorganizzazione del Cnr

Amministrazione più partecipata e gestione più efficiente

Scienza & Tecnica Ricerca & Istituzioni
Chiudi La sede centrale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (fonte: CNR) (ANSA) La sede centrale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (fonte: CNR)

Un'amministrazione più partecipata e democratica, una gestione finanziaria più attenta ed efficiente, con meno sprechi per liberare risorse per la ricerca scientifica: questi gli obiettivi del nuovo Regolamento di amministrazione, contabilità e finanza, e delle linee portanti della riorganizzazione della Struttura amministrativa del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), approvate dal suo Consiglio di amministrazione.

"Si tratta di due importanti risultati che proseguono e completano la strategia di cambiamento portata avanti dal Cnr", commenta il presidente Massimo Inguscio. "L'approvazione del Regolamento di amministrazione, contabilità e finanza arriva dopo il nuovo Statuto e il recente Regolamento di organizzazione, che hanno aumentato la partecipazione di ricercatori ai processi decisionali del Cnr". Si tratta, ha aggiunto, di "un altro importante passo per rafforzare l'attività e la partecipazione della rete scientifica dell'Ente" e che contribuirà al risanamento finanziario "nell'ambito di un percorso di economie di spesa già avviato per circa dieci milioni di euro l'anno, a partire da quelle già conseguite nel 2018".

Ne sono un esempio la riduzione di 3 milioni di euro l'anno delle retribuzioni dei direttori di Istituto, di oltre 2 milioni dei canoni di locazione, dell'86% degli oneri per consulenze e del 20% dei costi di missione. Per continuare il risanamento gestionale intrapreso, il Cda ha inoltre approvato le linee portanti del nuovo modello organizzativo dell'Amministrazione. "La riorganizzazione - conclude Inguscio - renderà la struttura amministrativa più conforme alla nuova strategia del Cnr, contribuendo a porre rimedio alla carenza di sei posizioni dirigenziali su dieci, con l'immissione nei ruoli di nuovi dirigenti da altre amministrazioni, selezionati attraverso procedure di mobilità aperte e competitive".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Toyota e Kenworth insieme per maxi truck fuel cell

Alimentato a idrogeno, percorre sino a 482 km per pieno

Motori Eco Mobilità
Chiudi Toyota e Kenworth insieme per maxi truck fuel cell (ANSA) Toyota e Kenworth insieme per maxi truck fuel cell

Toyota ha presentato a Los Angeles i primi tre esemplari di un maxi truck fuel cell, prodotto in piccola serie in collaborazione con la Kenworth. Si tratta di un veicolo destinato al trasporto di grandi carichi che è equipaggiato con motori elettrici alimentati da pile a combustibile a idrogeno. Destinati a operare di base nei porti di Los Angeles e Long Beach, i nuovi mezzi sono silenziosi ed emettono vapore acqueo dagli scarichi e fanno parte di una flotta di dieci camion che saranno utilizzati per movimentare le merci all'interno del bacino della metropoli statunitense.

Progettati e costruiti grazie al contributo del programma statale CARB (California Air Resources Board), che ha stanziato nel complesso 41 milioni di dollari, i nuovi Fcet (Kenworth/Toyota Fuel Cell Electric Truck) sono stati sviluppati utilizzando come base meccanica il modello T680 Classe 8 del Costruttore di Kirkland e adottano la tecnologia fuel cell della Casa delle Tre Ellissi: possono coprire sino a 482 km con un pieno di idrogeno, il doppio della percorrenza media dei veicoli attualmente destinati a impieghi analoghi. Le motrici sono dotate di tecnologia connessa e di dispositivi di sicurezza di ausilio alla guida di ultima generazione, oltre a soluzioni di grande comfort per i conducenti. Assemblati nell'ambito del programma Zanzeff (Zero and Near-Zero Emissions Freight Facilities Project), rappresentano un passo importante verso la produzione in grande serie di mezzi pesanti a impatto zero e sono frutto di una sperimentazione su strada con alcuni prototipi che dall'aprile 2017 hanno percorso con successo nel traffico reale oltre 14.000 miglia, circa 22.500 chilometri.

L'iniziativa sarà accompagnata dalla costruzione di due stazioni di rifornimento di idrogeno per mezzi pesanti, che la Shell erigerà nelle aree di Wilmington e di Ontario, e che si aggiungeranno alle tre pompe già in funzione nella zona logistica Toyota di Long Beach.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Malato di Sla ammesso alla terapia sperimentale in Israele

Chef Palumbo su Fb, ora serve quasi 1mln di euro per accedervi

Salute & Benessere Medicina
Chiudi . (ANSA) .

ORISTANO - "Ciao a tutti, diciamo che è ufficiale. Ho ricevuto la mail dove vengo accettato per essere sottoposto alla sperimentazione in Israele del protocollo Brainstorm. Non ho parole per descrivere la gioia e l'emozione che sto provando, certo ancora non abbiamo vinto sicuramente la guerra ma posso dire che abbiamo vinto la prima battaglia". Lo scrive su Facebook lo chef sardo malato di Sla Paolo Palumbo, annunciando un primo spiraglio per poter ricevere la terapia sperimentale arrivata alla fase 3 negli Stati Uniti e in Medio Oriente.
    Ora la palla passa nelle mani del Governo e della Regione: la terapia è costosissima e si stima che valga tra i 500 mila euro e il milione di euro. In più c'è da aggiungere il trasferimento da Oristano per il 21enne, allettato e attaccato al respiratore.
    Il giovane, nella sua lunga battaglia, aveva anche avviato lo sciopero della fame, poi sospeso dopo una lettera del premier Conte. Ora il ministero della Sanità sta verificando la sua situazione. Una relazione è stata richiesta direttamente al medico curante di Paolo che in un post su Fb ringrazia "tutti coloro che hanno supportato questa battaglia".
    "Spero di essere la luce per tutti i malati e guerrieri e che la sperimentazione dia i risultati aspettati in modo che con i risultati alla mano possa essere somministrata a tutti i malati - scrive - Per poter accedere alla sperimentazione ci vuole una cifra molto importante e avrò bisogno del sostegno di tutti voi, si parla di una cifra che va dai 500 mila euro al milione e nei prossimi giorni creerò una raccolta fondi. Non so come ringraziarvi, ora più che mai sostenetemi e aiutatemi a rendere questo obiettivo reale. Sono molto emozionato e commosso Paolo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Rosse sempre al top con manutenzione Ferrari premium

Nuovo servizio apre le porte alla certificazione di autenticità

Motori Componenti & Tech
Chiudi Rosse sempre al top con manutenzione Ferrari premium (ANSA) Rosse sempre al top con manutenzione Ferrari premium

Con Ferrari Premium la Casa di Maranello lancia un piano di manutenzione preventiva che si aggiunge all'attuale garanzia ordinaria e alla sua possibilità di estensione, per offrire ulteriori anni di piacere di guida delle Rosse nel massimo relax. Per gli esemplari sottoposti ai controlli e alla sostituzione delle componenti previsti dal programma viene rilasciato un attestato. Grazie a questo, al ventesimo anniversario dalla prima registrazione dell'auto si potrà aver diritto a un accesso privilegiato alla certificazione Ferrari Classiche, che attesta l'autenticità del modello.

L'iniziativa nasce con l'obiettivo di fornire servizi di manutenzione ufficiali a un ventaglio di quindici modelli del recente passato del Costruttore emiliano. Si tratta di 456 GT e GTA, 456 M GT e GTA, 550 Maranello, 550 Barchetta, 360 Modena (tutte le versioni), 575 Maranello, 575 Superamerica, 612 Scaglietti (tutte le versioni), F430 (tutte le versioni), 599 GTB Fiorano, 599 SA Aperta, 599 GTO, Enzo.

Nel dettaglio, è previsto un pacchetto di ricambi che coinvolge i principali gruppi funzionali della macchina (alimentazione, lubrificazione, idroguida e impianto freni), con la sostituzione a prezzi agevolati delle componenti soggette a usura.

Il programma si inserisce nell'offerta post-vendita destinata alla clientela. ''Ogni nuova Ferrari - spiegano da Maranello - può contare su una garanzia standard di 36 mesi e su Genuine Maintenance, il piano di manutenzione programmata ordinaria per i primi 7 anni di vita. La garanzia della fabbrica può essere estesa per altri 24 mesi e, dal 6 al 15 anno, è possibile stipulare la garanzia New Power che fornisce copertura sui principali componenti meccanici. I proprietari che hanno beneficiato dei sette anni di manutenzione gratuita possono ora estendere il programma di manutenzione Main Power, che include anche la copertura New Power, fino al 15 anno dalla registrazione. L'adesione al piano di manutenzione preventiva, il rispetto di quello ordinario oltre all'esecuzione di tutte le campagne prodotto inerenti la vettura, consentono il rilascio al cliente dell'Attestato Ferrari Premium''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Yamaha Faster Sons XT Tribute a Roma per rivivere Anni 80

Obiettivo eleggere il migliore customizzatore della capitale

Motori Due Ruote
Chiudi Yamaha Faster Sons XT Tribute a Roma per rivivere Anni 80 (ANSA) Yamaha Faster Sons XT Tribute a Roma per rivivere Anni 80

Yamaha Motor, con il supporto dei concessionari ufficiali, punta i riflettori su Roma e lancia la sfida per nominare il miglior bike builder della Capitale. Nasce infatti il primo casting Faster Sons XT Tribute per creare una moto special su base XSR700 e far rivivere lo stile unico degli anni '80. Il risultato finale dovrà essere di forte ispirazione off road: imprescindibili le ruote tassellate e il manubrio in stile "fuoristrada", i cerchi da 17" e il design della moto differente da quello della XT500.

Le opere selezionate saranno protagoniste dell'evento Faster Sons XT Tribute che si terrà il 9 maggio presso il Lanificio a Roma. Durante la serata la giuria d'eccezione Yamaha decreterà il vincitore.

Alla miglior officina custom Yamaha affiderà una XSR700 per la realizzazione del progetto selezionato e approvato. La special customizzata sarà esposta nelle più importanti fiere di settore sotto l'insegna della casa madre.

"I modelli Yamaha Faster Sons - spiega Andrea Colombi, Country Manager Yamaha Italia - sono un'alchimia perfetta tra design senza tempo, look rétro e tecnologia di frontiera. Non appena furono presentati, i modelli XSR catturarono immediatamente l'attenzione dei più importanti bike builder europei e, negli ultimi anni, Yamaha ha collaborato a più di 60 progetti di "special", progetti attraverso i quali è stata in grado di esprimere la propria personalità. Siamo curiosi di scoprire come questa arte sia interpretata a Roma, dove il tema della customizzazione non è stato ancora valorizzato nel suo potenziale; grazie a questo progetto vogliamo dare libero sfogo alla voce e creatività dei customizzatori locali" .

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Nissan, lascia il manager italiano Daniele Schillaci

Ricopriva il ruolo di vice presidente esecutivo in Giappone

Motori I protagonisti
Chiudi  Daniele Schillaci  (ANSA) Daniele Schillaci

ùContinua il rimpasto dei vertici alla Nissan, conseguenza della vicenda legale legata all'ex presidente del gruppo auto, Carlos Ghosn. Il manager italiano Daniele Schillaci - che ricopriva il ruolo di vice presidente esecutivo in Giappone - ed era stato assunto dallo stesso Ghosn, nel 2015, dopo un trascorso alla Toyota, ha annunciato che lascerà l'azienda "per nuove opportunità nel continente europeo, più vicine al suo paese natale".

Schillaci era anche responsabile della divisione dei veicoli elettrici in Asia e Oceania, e si aggiunge a una lunga lista di dirigenti considerati 'vicini' a Ghosn, che hanno troncato i rapporti con l'azienda, mentre va avanti l'inchiesta giudiziaria che vede l'ex tycoon 65enne incriminato per una serie di illeciti finanziari e abuso di fiducia aggravata. Tra i top manager che hanno comunicato le proprie dimissioni in tempi recenti, il direttore operativo in Cina, Jose Munoz, lo scorso gennaio, e Arun Bajai numero uno delle Risorse umane della casa nipponica, in marzo. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Registrato il primo terremoto su Marte - ASCOLTA

Dalla sonda Insight della Nasa

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi Lo scudo protegge il sismometro della missione Insight (fonte: NASA/JPL-Caltech) (ANSA) Lo scudo protegge il sismometro della missione Insight (fonte: NASA/JPL-Caltech)

Un 'sussulto' su Marte è stato rilevato per la prima volta dalla sonda Insight della Nasa: il suo segnale "debole ma distinto", registrato lo scorso 6 aprile dal sismometro Seis, potrebbe rappresentare il primo sisma marziano mai osservato, utile per cominciare a esplorare il 'cuore' del pianeta. A darne notizia è l'agenzia spaziale francese Cnes, che gestisce lo strumento.



"Abbiamo aspettato il nostro primo sisma marziano per mesi", dice Philippe Lognonne, ricercatore all'Istituto di fisica del globo a Parigi. "E' così emozionante avere finalmente la prova che Marte è ancora sismicamente attivo. Non vediamo l'ora di condividere risultati dettagliati una volta che avremo studiato meglio l'evento e fatto un modello con i nostri dati".

I ricercatori stanno cercando di verificare l'origine del tremore marziano, per assicurarsi che venga dall'interno del pianeta e non sia causato dal vento o altre interferenze. Se confermato, dice Bruce Banerdt della Nasa, "segnerebbe la nascita di una nuova disciplina: la sismologia marziana".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Un registro mondiale per far uscire le ricercatrici dall'ombra

Iscritte in 7.500, solo 37 italiane

Scienza & Tecnica Ricerca & Istituzioni
Chiudi Bilancio del primo anno del registro mondiale delle ricercatrici (fonte: Free Stock Photos) (ANSA) Bilancio del primo anno del registro mondiale delle ricercatrici (fonte: Free Stock Photos)

Far uscire dall'ombra le tantissime donne impegnate nella ricerca in tutto il mondo: è questo l'obiettivo del registro mondiale promosso dall'organizzazione 500 Women Scientists. Finora le iscritte sono 7.500, provengono da 133 Paesi e rappresentano 174 discipline. Tuttavia per la maggior parte lavorano negli Stati Uniti e si occupano di biologia. Le italiane sono appena 37, si legge nel bilancio a un anno dall'iniziativa pubblicato sulla rivista Plos Biology dal gruppo dell'università del Colorado coordinato da Elizabeth McCullagh.

Nata nel gennaio 2018, la banca dati si chiama 'Richiedi uno scienziato donna' ed è stata promossa per stabilire un filo diretto tra le ricercatrici con il mondo dei media e con la società in generale. "L'obiettivo è aumentare la presenza delle donne di scienza nei media e più in generale nella 'sfera scientifica", ha detto all'ANSA McCullagh. "Si tratta - ha aggiunto - di rendere le ricercatrici più raggiungibili da chi ha bisogno del parere di un esperto".

La banca dati è pubblica e contiene gli indirizzi e-mail delle ricercatrici e la loro area di specializzazione. Si spera in questo modo di riuscire a sconfiggere lo stereotipo che ancora oggi fa associare all'immagine di uno scienziato quella di un uomo bianco. Delle 37 italiane presenti nella banca dati, la maggior parte lavora in Lombardia, Lazio, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna. Sono attive in settori molto diversi, come cosmologia e neurochirurgia, fisica teorica e fotonica applicata alla tutela dei beni culturali, fino a pesca sostenibile e geoetica.

Dal sondaggio utilizzato per fare il bilancio del primo anno di attività della banca dati è emerso che, delle 1.278 ricercatrici intervistate, 150 (11%) hanno detto di essere state contattate grazie alla banca dati per commentare notizie di scienza o per partecipare a eventi di divulgazione scientifica. Per gli autori della ricerca questa è probabilmente una sottostima poiché risulta che fin dalla sua nascita la banca dati è stata consultata oltre 100.000 volte.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Consumi tagliati del 10%, stesso divertimento per Mazda MX-5

Tecnologia i-Eloop con super condensatore per la 1.5 da 132 Cv

Motori Prove e Novità
Chiudi Consumi tagliati del 10%, stesso divertimento per Mazda MX-5 (ANSA) Consumi tagliati del 10%, stesso divertimento per Mazda MX-5

Mazda riduce del 10% i consumi e le emissioni di CO2 della MX-5 con motore 1.5 da 132 Cv grazie all'adozione del sistema di elettrificazione leggera i-Eloop. Il tutto senza rinunce in fatto di divertimento di guida.

Il nuovo dispositivo, associato all'i-stop che spegne e riavvia automaticamente il propulsore nelle soste agli incroci e ai semafori rossi, si avvale dell'utilizzo di un super condensatore: recupera energia in fase di frenata e decelerazione della vettura e la riutilizza per alimentare i servizi di bordo. In questo modo si alleggerisce il carico che grava sul propulsore, permettendogli di fornire alle ruote posteriori tutta la potenza che è in grado di produrre, con benefici sui consumi e, di conseguenza, sulle emissioni.

Proposta in versione cabriolet con gli allestimenti Exceed e Sport, rispettivamente a 28.550 e 32.000 euro, e con tetto rigido retrattile RF a 2.500 euro in più, la rinnovata ''millecinque'' brucia 7,4 litri di benzina per percorrere 100 km, contro i precedenti 8,2, con un beneficio quindi di 0,8 l/100 km. Al contempo, l'anidride carbonica prodotta scende in media da 142 a 138 grammi al chilometro.

La leggerezza è una delle caratteristiche del sistema adoperato. ''Grazie a un alternatore a tensione variabile - spiegano i tecnici della Casa nipponica -, utilizzato per generare corrente al momento del rilascio dell'acceleratore, e alla capacità dei condensatori che lo compongono di ricaricarsi in tempi estremamente più veloci rispetto a una batteria, il super condensatore si carica completamente in soli 7-10 secondi, un tempo inferiore a un singolo ciclo di decelerazione.

L'i-Eloop, inoltre, rende il dispositivo i-stop ancora più efficace perché, con la sua riserva di energia accumulata durante le decelerazioni, permette di prolungare le fasi di spegnimento del motore, quindi a consumo zero, rispetto a quello che avverrebbe normalmente con un sistema tradizionale''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Emergecy festeggia con Pe' Strada

Artisti e operatori il 27 e 28 a Piazza del Popolo a Roma

Legalità & Scuola Musica, film e libri
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 23 APR - Il 27 e 28 aprile Emergency torna "Pe' Strada" e festeggia il suo 25° anniversario. L'evento ha come tema pratiche, idee e vite resistenti e vedrà sul palco artisti e operatori di Emergency.
    Quest'anno, dopo quattro edizioni, l'organizzazione umanitaria celebra la grande musica jazz e non solo. La maratona musicale, ancora una volta sotto la direzione artistica del sassofonista Stefano Di Battista, si svolgerà a Piazza del Popolo, sabato 27 aprile fino al tramonto, coinvolgendo i più importanti jazzisti del panorama nazionale. Domenica 28 aprile, invece, si esibiranno sul palco le sei migliori band emergenti che hanno partecipato al Pe' Strada Music Contest, con la conduzione dell'attrice Paola Minaccioni.
    A chiudere la due giorni musicale, poi, sarà la band romana Il Muro del Canto, che si esibirà sul palco di Pe' Strada per una lunga performance live.
    Sabato 27 aprile, a partire dalle 11.00, Pe' Strada si svolgerà a Piazza del Popolo con attività dedicate ai bambini e dalle ore 17.00 con una jam session non-stop che coinvolgerà alcuni tra i più grandi nomi della scena jazz italiana, accolti dalla voce del critico musicale Ernesto Assante, insieme a due poeti di rilievo come Maria Grazia Calandrone e Claudio Damiani che reciteranno alcune loro poesie.
    Sotto la guida del direttore artistico Stefano Di Battista, si esibiranno sul palco Nina Zilli, Giorgio Cùscito & Swing Valley Band, Nicky Nicolai, Piji, Ladyvette, Maria Pia De Vito, Walter Ricci, Luigi Del Prete, Andrea Rea, Daniele Sorrentino.
    Sul palco anche l'infermiere Roberto Maccaroni che ha da poco pubblicato il libro Prometto che ritorno. Con Emergency in Africa e in Afghanistan, il Presidente di Emergency Rossella Miccio e il fondatore Gino Strada.
    Domenica 28 aprile, dalle 17.00 in poi, Emercency lancerà PE' Strada Music Contest, il concorso dedicato a band emergenti di ragazze e ragazzi tra i 16 e i 35 anni. Le sei migliori tra quelle che si sono candidate si esibiranno sul palco di Piazza del Popolo, di fronte al pubblico e a una giuria composta tra gli altri da Boris Sollazzo (Radio Rock; Rolling Stone), Fabio Magnasciutti (musicista e illustratore), Tony Pujia di T-Recs Music. A chiudere l'evento sarà la performance live della band romana Il Muro del Canto che, per l'occasione, suonerà sei brani del suo repertorio.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Vino, al via il corso 2019 per aspiranti Masters of Wine

Istituto Grandi Marchi con Accademia Londra dal 24 al 26 maggio

Terra & Gusto Vino
Chiudi Vino (fonte: Pixabay) (ANSA) Vino (fonte: Pixabay)

ROMA - Partirà quest'anno dall'Alto Adige l'ottava edizione italiana del corso per aspiranti Masters of Wine. L'appuntamento, promosso dall'Accademia londinese in partnership con l'Istituto del Vino Italiano di Qualità Grandi Marchi, si svolgerà dal 24 al 26 maggio nella Tenuta Alois Lageder a Magrè (Bz).

Una tre giorni di alta formazione che permetterà a tutti i professionisti del vino con almeno tre anni di esperienza, di avvicinarsi alle tecniche di degustazione e alle abilità analitiche fondamentali per accedere al programma di studi dell'Istituto che partirà a giugno. "Si tratta di un corso propedeutico molto esclusivo - spiega il presidente dell'Istituto, Piero Mastroberardino - un sodalizio in linea con la mission che da sempre ci contraddistingue, ossia proporci come portabandiera e apripista del settore sui mercati internazionali attraverso attività di formazione e promozione, volti alla valorizzazione del brand Italia di qualità".

Fino ad oggi il presidente ricorda che sono stati organizzati più di 380 eventi nel mondo con in il coinvolgimento di 67 mila operatori, opinion leader e decision maker e avviato partnership per spingere l'immagine del vino tricolore. Il corso di fine maggio, con in cattedra i Master of Wine Caro Maurer e Jonas Tofterup, prevede 12 sessioni di lavoro tra pratica e teoria, dove verranno affrontate diverse tematiche legate al mondo del vino, con un'attenzione particolare al potenziamento delle abilità di scrittura, degustazione e comunicazione. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Auto elettrica viola isole pedonali in tre grandi città

Nessuna multa per test di Quattroruote a Milano, Torino, Bologna

Motori Norme e Istituzioni
Chiudi Auto elettrica viola isole pedonali in tre grandi città (ANSA) Auto elettrica viola isole pedonali in tre grandi città

La notizia della libera circolazione nelle isole pedonali delle auto elettriche e ibride - diffusa nei giorni scorsi - era evidentemente non corretta, perché le aree riservate ai pedoni non sono mai state incluse nella modifica del Codice della Strada contenuta nella legge di Bilancio, che ha variato gli accessi solo alle zone a traffico limitato. Eppure, a questa 'fake news' credono ancora in molti, Polizia e Vigili Urbani inclusi.

Lo afferma il mensile specializzato Quattroruote, i cui giornalisti al volante di un'auto elettrica si sono recati nei centri storici di Milano, Torino e Bologna, riuscendo a violare strade e piazze simbolo delle tre città, senza venire quasi mai bloccati dalle forze dell'ordine. L'inchiesta e le relative immagini saranno pubblicate sul numero di maggio del mensile, in edicola dal prossimo venerdì 26 aprile.

Nonostante la massiccia presenza di protezioni come new jersey e dissuasori mobili e di Forze dell'Ordine, Esercito compreso, per l'auto elettrica di Quattroruote non è stato difficile accedere a molte aree della città, anche se teoricamente riservate ai soli pedoni.

Se piazza del Duomo si è dimostrata inespugnabile, l'adiacente via Dante si è invece rivelata facilmente accessibile, nonostante la presenza al varco della Polizia Locale. L'auto elettrica del mensile milanese l'ha percorsa tutta nei due sensi, trasferendosi poi al Castello Sforzesco, i cui varchi d'accesso non erano presidiati. Ciò ha consentito al giornalista di avvicinarsi all'ingresso del castello e di girare intorno all'antistante fontana, tra l'incredulità dei passanti.

Situazioni simili alle Colonne di San Lorenzo e alla Basilica di Sant'Eustorgio, accanto alla quale la vettura a batterie ha potuto sfilare indisturbata, grazie ai dissuasori in quel momento abbassati. Nessun problema anche nella zona dei Navigli, dove l'automobile ha potuto raggiungere la banchina della Darsena, accedendovi da piazza XXIV Maggio.

I giornalisti del mensile della Editoriale Domus hanno trascorso un'intera mattinata nel centro storico di Torino, riscontrando una totale assenza di agenti della Polizia Municipale. A bordo dell'auto elettrica, i giornalisti sono riusciti senza alcun problema a raggiungere piazza Castello, sostando proprio davanti all'ingresso del Palazzo Reale e sotto la facciata di Palazzo Madama. Nonostante la presenza di Polizia e Carabinieri, la vettura ha attraversato anche piazza Carignano e piazza Carlo Alberto. L'unica richiesta di allontanamento è stata registrata quando l'auto di Quattroruote si è avvicinata volutamente al furgone della polizia.

A Bologna l'auto di Quattroruote ha facilmente violato anche il centro storico, tanto da giungere indisturbata in piazza Maggiore, passando per piazza Re Enzo, e fermarsi di fronte a San Petronio, nell'indifferenza di turisti e cittadini. Analoga situazione si è registrata presso Palazzo D'Accursio, dove due agenti della Polizia Locale hanno fermato l'automobile solo quando quest'ultima tentava di accedere a piazza Nettuno. Al conducente non è stata elevata una contravvenzione, ed è stato formulato solo l'invito a lasciare la piazza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

25 aprile: manifestazione a Corleone

Iniziativa associazioni mentre Salvini inaugura commissariato

Legalità & Scuola Altre News
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - CORLEONE (PALERMO), 23 APR - Corleone festeggia il giorno della Liberazione il 25 aprile alle ore 10,30 nella villa comunale. L'iniziativa, promossa dalla Cgil e da un gruppo di giovani e associazioni, è stata varata mercoledì scorso nel corso di un'assemblea pubblica, con il coinvolgimento di sigle come Anpi, Libera, Legambiente e il centro studi Pio La Torre. La manifestazione avverrà in contemporanea con la visita del ministro dell'Interno Matteo Salvini, che il 25 aprile sarà a Corleone per inaugurare la nuova sede del Commissariato della Polizia di Stato. "La scelta di Salvini di venire a Corleone e di contrapporre la resistenza al fascismo e la resistenza alla mafia, come se l'una escludesse l'altra, la troviamo strumentale - dichiara il segretario della Camera del Lavoro di Corleone Cosimo Lo Sciuto - Il 25 aprile è una festa di tutti, che non può dividere. E' una festa nazionale perché si ricorda la Resistenza. Nulla può distogliere l'attenzione dai valori sanciti dalla Costituzione antifascista. Per questo, il 25 aprile, le donne e gli uomini del Corleonese si raduneranno per onorare la festa della liberazione dal nazifascismo. Salvini può venire per lottare contro la mafia, ma deve ricordare che a Corleone la lotta contro la mafia è sempre andata di pari passo con quella al fascismo. Eroi come Carlo Alberto Dalla Chiesa e Placido Rizzotto, uno carabiniere e l'altro sindacalista, entrambi partigiani, lo testimoniano".
    "Il ministro Salvini cade nella retorica che identifica Corleone come irredimibile terra di mafia - sostengono gli organizzatori dell'iniziativa con una nota unitaria - La comunità corleonese, impegnata da anni a riscattarsi da questo pesante fardello, è stanca di essere oggetto di un interesse episodico e strumentale, immancabilmente associato alla mafia".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ritrovate le stelle perdute della Via Lattea

Perse da Omega Centauri, distante 18.000 anni luce

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi Rappresentazione artistica della missione Gaia dell’Esa (fonte: ESA/ATG medialab; ESO/S. Brunier) (ANSA) Rappresentazione artistica della missione Gaia dell’Esa (fonte: ESA/ATG medialab; ESO/S. Brunier)

Ritrovate le stelle perdute della Via Lattea. La forza gravitazionale della nostra galassia le aveva strappate a Omega Centauri, un ammasso globulare che si trova circa 18.000 anni luce dal Sistema Solare. La scoperta è pubblicata sulla rivista Nature Astronomy da Osservatorio di Strasburgo e Università di Stoccolma; l’Italia ha partecipato con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). 

Le stelle perdute sono state scovate grazie a Gaia, la missione dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), di cui l’Italia fa parte con l’Inaf e l’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e che sta disegnando un catalogo degli abitanti della Via Lattea e che ha finora individuato circa due miliardi di stelle e più di 14.000 asteroidi.

Gli astronomi hanno setacciato le regioni circostanti all’ammasso alla ricerca di stelle perdute lungo la sua orbita. Hanno così osservato strutture simili a code, generate dall’attrazione della nostra galassia. In una di queste code, chiamata ‘Fimbulthul’, dal nome di uno dei fiumi della mitologia nordica, gli astronomi hanno contato 309 stelle.

Gi autori dello studio ritengono che “la distribuzione nello spazio delle stelle perdute suggerisce che Omega Centauri sia in realtà ciò che rimane di una galassia nana in parte disgregata dall’interazione con la Via Lattea”. In base a questa ipotesi, le stelle rinvenute grazie a Gaia farebbero quindi parte di un gruppo periferico di Omega Centauri, adesso sparpagliato nella nostra galassia.

“Il prossimo passo - ha precisato Michele Bellazzini, dell’Inaf di Bologna - sarà ricostruire con maggiore precisione la storia evolutiva della galassia nana progenitrice di Omega Centauri. Ci aspettiamo - ha concluso - di trovare molte più stelle perdute da questo oggetto celeste nell’alone della Via Lattea”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Andare per cantine con la 'Francigena di Vino'

Decima edizione dell'Orcia Wine Festival nel senese, dal 25 al 28 aprile

Terra & Gusto Vino
Chiudi Vigna (fonte: Pixabay) (ANSA) Vigna (fonte: Pixabay)

ROMA - Si celebra la 'Francigena di Vino' nella decima edizione dell'Orcia Wine Festival in programma a San Quirico d'Orcia (Si) dal 25 al 28 aprile. Torna la tradizionale vetrina delle eccellenze del territorio, patrimonio mondiale dell'umanità dell'Unesco dal 2004, che vuole essere una sorta di pellegrinaggio nelle cantine del territorio. Un patrimonio da scoprire percorrendo i sentieri dello storico cammino, con visite organizzate in bicicletta, in mini-bus o in trekking. Quattro giorni dove troveranno spazio degustazioni tecniche guidate e il banco d'assaggio di vini delle aziende del territorio e tante iniziative per i più piccoli.

Il taglio del nastro è per il 25 aprile mattina a Palazzo Chigi, con il convegno sulle possibilità di inserire lo spumante nella Doc del territorio condotto da Giampietro Comolli, fondatore dell'Osservatorio Vini Spumanti Effervescenti. Aprirà quindi la Mostra Mercato dei Vini Orcia con banchi di assaggio delle aziende con i tanti prodotti tipici del territorio.

Venerdì è in programma la presentazione dei cortometraggi realizzati dall'Università di Siena per la rassegna "A Corto di Vino". Si svolgeranno quindi il trekking urbano 'Francigena di Vino', una masterclass dal titolo "Orcia: il Sangiovese e i suoi fratelli", per chiudere con la veglia con il produttore "Cena dell'Orcia" in diversi ristoranti della città e del territorio. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

L'arrivo del maltempo salva le campagne dalla siccità

Coldiretti, allerta protezione civile scattata nelle regioni più assetate

Terra & Gusto Vino
Chiudi Il maltempo salva le campagne dalla siccità (fonte: Pixabay) (ANSA) Il maltempo salva le campagne dalla siccità (fonte: Pixabay)

ROMA - L'arrivo del maltempo salva le campagne dalla siccità, dopo che le precipitazioni sono praticamente dimezzate al nord (-50%) nel primo trimestre del 2019 rispetto alla media storica del periodo. E' quanto emerge da un'analisi della Coldiretti sulla base dei dati Isac Cnr, dalla quale si evidenzia che l'allerta della protezione civile è scattata proprio nelle regioni dove è più pesante il deficit idrico.

In queste condizioni, sottolinea la Coldiretti, il maltempo è manna per gli agricoltori per ripristinare le scorte di neve e acqua sulle montagne, negli invasi, nei laghi, nei fiumi e nei terreni, per lo sviluppo primaverile delle coltivazioni.

L'acqua, infatti, aiuta le semine primaverili di granoturco, soia, girasole, barbabietole, riso o pomodoro. Per essere di sollievo la pioggia però, spiega la Coldiretti, deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente provocano solo danni. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Il Papa regala un uovo di cioccolato da 20 chili alla mensa della Caritas

Per celebrare il suo onomastico, San Giorgio

Terra & Gusto In breve
Chiudi Il Papa regala un uovo di cioccolato da 20 chili alla mensa della Caritas (fonte: account twitter Caritas Italiana) (ANSA) Il Papa regala un uovo di cioccolato da 20 chili alla mensa della Caritas (fonte: account twitter Caritas Italiana)

CITTÀ DEL VATICANO - Un grande uovo di cioccolato da 20 chili è arrivato oggi alla mensa Caritas di Roma, vicino alla stazione Termini. È il regalo di Papa Francesco - attraverso l'Elemosineria Apostolica - ai poveri per celebrare il suo onomastico, San Giorgio. Lo riferisce il direttore della sala stampa vaticana Alessandro Gisotti. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Auto a guida autonoma faranno aumentare spostamenti

Studio, nuovi bisogni compenseranno risparmio energetico mezzi

Motori Sotto la Lente
Chiudi Auto a guida autonoma faranno aumentare spostamenti (ANSA) Auto a guida autonoma faranno aumentare spostamenti

 Le auto a guida autonoma potranno portare gli automobilisti a guidare di più, e tutti quei chilometri extra andranno compensare i potenziali benefici del risparmio energetico che le stesse auto potrebbero fornire. E' quanto emerge da uno studio dell'Università del Michigan, che è stato pubblicato sulla rivista scientifica Applied Energy.

    Tradizionalmente il tempo trascorso a guidare è stato visto come un costo per il conducente. In un futuro prossimo, grazie a questi nuovi mezzi, la possibilità di utilizzare il tempo di viaggio sarà più produttivo (si potrà lavorare, dormire, guardare un film, leggere un libro). Diminuirà la percezione del tempo speso per il viaggio e questo, spiegano gli studiosi, probabilmente indurrà ancora più viaggi.

    I ricercatori sono arrivati a stimare una riduzione del 38% della percezione del tempo di viaggio, che eliminerebbe completamente i risparmi di carburante associati alle auto a guida autonoma proprio grazie a questi viaggi in più che saranno fatti. Ciò, inoltre, implicherà la possibilità di aumenti netti dell'inquinamento atmosferico, sia a livello locale sia a livello globale, che saranno causati dai maggiori spostamenti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Food-delivery, Italia divisa tra Pokè hawaiano e hamburger

Thai e sushi super gettonati intorno ai Palazzi del governo

Terra & Gusto In breve
Chiudi Pokè (fonte: Pixabay) (ANSA) Pokè (fonte: Pixabay)

ROMA - Spopola a Milano e Firenze il Pokè, l'insalata hawaiana con pesce crudo marinato e tagliato a cubetti a basso contenuto calorico, ma a Roma e a Napoli resta ben saldo il classico hamburger. Città che vai gusti che trovi, secondo una ricerca Deliveroo, che ha preso a campione gli ordini effettuati negli ultimi mesi a Roma, Milano, Firenze e Napoli.

Se nel capoluogo lombardo e toscano il Pokè è stabilmente al primo posto, Napoli sceglie nell'ordine l'hamburger, il sushi, l'insalata hawaiana, mettendo la pizza solo al quarto posto. Più classici i gusti dei romani, con hamburger, pizza, pokè, cucina italiana e sushi.

Eppure c'è un piatto che va fortissimo a Roma in zona Parlamento: il Thai Noodle wok a base di spaghetti orientali nati in Cina 4 mila anni fa e realizzati con farina di riso, grano saraceno, fagiolo mungo, mais oppure alghe, saltati nel wok e conditi con pesce, pollo o verdure. Si consumano nell'apposito 'Noodle box' con le classiche bacchette, ma c'è chi nella tranquillità del suo ufficio si affida alla classica forchetta.

Nel quadrilatero della politica i dati di Deliveroo parlano chiaro: a pranzo 1 ordine su 3 richiede le posate di plastica, rinunciando all'opzione ecologica "no posate" introdotta da Deliveroo nel 2018. Meglio a cena quando nella stessa zona a chiedere le posate è 1 ordine su 5.

La zona del Parlamento, maglia nera assieme a Milano Centro, è in controtendenza con i dati nazionali che vedono il 91% dei consumatori italiani scegliere l'opzione "no posate" sulla piattaforma Deliveroo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Egitto, scoperta una necropoli con 35 mummie - FOTO E VIDEO

Ad Assuan, grazie a una missione di scavo italo-egiziana

Scienza & Tecnica Scienza e arte
Chiudi La tomba AGH 26 scoperta ad Assuan in gennaio 2019 dalla missione congiunta dell’Università degli Studi di Milano e del Ministero delle Antichità egiziano (fonte: Università Statale di Milano) (ANSA) La tomba AGH 26 scoperta ad Assuan in gennaio 2019 dalla missione congiunta dell’Università degli Studi di Milano e del Ministero delle Antichità egiziano (fonte: Università Statale di Milano)

Scoperta in Egitto un'antica tomba che conserva ancora 35 mummie, sarcofagi, anfore, vasi e materiali per maschere funerarie: considerata una vera e propria necropoli, in uso dal periodo tardo-faraonico al periodo romano (VI secolo a.C.-IV secolo d.C.), è riemersa dalla sabbia di Assuan, insieme al geroglifico che riporta il nome del suo proprietario 'Tjt', grazie agli scavi condotti dalla missione italo-egiziana coordinata dall'Università degli Studi di Milano e dal Ministero delle Antichità egiziano.

Gli scavi, diretti da Patrizia Piacentini, docente di Egittologia e archeologia egiziana dell'Università di Milano, insieme a Abdelmanaem Said, del Ministero delle Antichità egiziano, hanno mappato circa 300 tombe databili tra il VI secolo a.C. e il IV secolo d.C., situate sulla riva occidentale di Assuan, nell'area che circonda il Mausoleo dell'Aga Khan.

La 'nuova' tomba, già depredata dai ladri nell'antichità, presenta una stanza funeraria principale e una laterale: nella prima sono state trovate 30 mummie ben conservate, tra le quali alcune di bambini piccoli che erano state depositate in una lunga nicchia laterale, e appoggiata a una parete, una barella intatta in legno di palma e strisce di lino, usata dalle persone che avevano depositato le mummie nella tomba.

A corredo, vasi contenenti bitume per la mummificazione, 'cartonnages' bianchi pronti per essere dipinti e altri già dipinti, una statuetta in legno ben conservata e dipinta dell'uccello-Ba, che rappresenta lo spirito del defunto. Nella seconda stanza funeraria sono state trovate quattro mummie, accompagnate da vasi che contenevano ancora resti di cibo, fondamentale per il 'viaggio' che il defunto si accingeva a compiere. Due mummie sovrapposte, probabilmente di una madre e di suo figlio, erano ancora coperte da 'cartonnage' dipinto, una sorta di maschera funeraria fatta con papiro, mentre un sarcofago era stato scavato direttamente nel pavimento roccioso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Seat, accordo a Madrid con UFO per kicksharing con eXS

Ben 530 monopattini messi a disposizione per la condivisione

Motori Eco Mobilità
Chiudi Seat, accordo a Madrid con UFO per kicksharing con eXS (ANSA) Seat, accordo a Madrid con UFO per kicksharing con eXS

Dopo il lancio del monopattino Seat eXS powered by Segway allo Smart City Congress di Barcellona e la presentazione internazionale della concept car Seat Minimó, la casa automobilistica di Martorell ha annunciato al Mobile World Congress che guiderà la strategia di micromobilità urbana all'interno del Gruppo Volkswagen.

Dall'inizio della sua commercializzazione a metà dicembre, Seat ha venduto circa 5.000 unità di eXS. Ora, l'azienda fa un ulteriore passo avanti e annuncia l'accordo di collaborazione strategica con la start-up per il kicksharing elettrico UFO, attraverso XMOBA Ventures, per mettere a disposizione dei cittadini di Madrid 530 monopattini Seat eXS powered by Segway.

''L'eXS è il primo prodotto Seat progettato specificamente per facilitare la mobilità urbana. L'accordo siglato con UFO conferma il nostro impegno per la micromobilità e rappresenta la nostra prima incursione nel kicksharing'' ha dichiarato Lucas Casasnovas, Direttore Product Marketing Seat.
L'accordo tra XMOBA Ventures, società indipendente di Seat che verifica, implementa e investe in nuove soluzioni di mobilità, e UFO prevede inoltre che sia XMOBA ad analizzare i dati sulla mobilità e i servizi di noleggio dei monopattini per approfondire le attuali conoscenze in tema di micromobilità urbana.

La collaborazione con UFO si espande oltre Madrid e l'impegno è quello di estendere questo programma pilota e il servizio ad altre città in base alla loro evoluzione, sempre in collaborazione con le pubbliche amministrazioni. Il fermo impegno di Seat è di integrare questo nuovo mezzo di trasporto nel modo meno invasivo e più sicuro per i cittadini.
Il modo di funzionamento del servizio di kicksharing attraverso UFO è semplice e intuitivo. Attraverso la mappa offerta dalla app, basta cercare il monopattino parcheggiato più vicino alla propria posizione e sbloccarlo scansionando il codice QR dell'e-kickscooter. UFO opera a Madrid con le licenze rilasciate dall'Area Mobilità e Ambiente del Comune, e punta a poter diventare un'alternativa sostenibile per la mobilità urbana.

Il costo del servizio è pari a 1 euro per lo sblocco e 0,15 euro al minuto per l'utilizzo. Il pagamento viene effettuato automaticamente tramite app in base al tempo di utilizzo e i monopattini devono essere parcheggiati in posti riservati per motocicli e biciclette, all'interno delle strisce appositamente segnate sulla carreggiata oppure sui marciapiedi, seguendo il regolamento locale della città di Madrid.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Accogliere migranti gay non protetti nei loro Paesi

Per la Cassazione non basta assenza di leggi omofobe in patria

Legalità & Scuola Educare alla parità
Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 23 APR - Prima di negare lo status di rifugiati ai migranti che dichiarano di essere omosessuali e di rischiare la vita se rimpatriati a causa del loro orientamento sessuale, si deve accertare se nei Paesi d'origine non solo non ci siano leggi discriminatorie ma anche verificare che le autorità del luogo apprestino "adeguata tutela" per i gay, ad esempio se colpiti da "persecuzioni" di tipo familiare. Lo sottolinea la Cassazione che ha accolto il ricorso di un cittadino gay della Costa d'Avorio, minacciato dai parenti, al quale a Catanzaro era stato negato il diritto a rimanere in Italia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Citroën tra i 12 brand con maggior crescita in Europa

Arriva al 7/o posto nel mercato del Vecchio Continente

Motori Industria
Chiudi Citroen tra i 12 brand con maggior crescita in Europa (ANSA) Citroen tra i 12 brand con maggior crescita in Europa

Nonostante il calo del mercato automobilistico europeo dall'inizio dell'anno (-2,3% in Europa - 30 Paesi - rispetto al primo trimestre del 2018), Citroën mette a segno nel periodo gennaio-marzo la crescita più forte tra i primi 12 brand in Europa (autovetture + veicoli commerciali leggeri): +3,2%.

Una performance trainata in particolare dal successo degli ultimi modelli della gamma nelle autovetture, un segmento in cui la marca cresce del 5,8% nel primo trimestre, in un mercato autovetture che segna -3,2%.
Nel comparto delle autovetture, Citroën è l'unico brand tra i Top 12 a registrare un aumento delle immatricolazioni nel primo trimestre. In diversi Paesi, Citroën segna una crescita delle immatricolazioni autovetture a 2 cifre. Tra questi Francia (1° mercato di Citroën in Europa) con +10,3%, Regno Unito (4° mercato) dove si registra il +16,8%, Danimarca (7°mercato) con un +26,8% e Portogallo (8° mercato con una crescita del 15,4%).

In crescita di 0,3 punti anche la quota di mercato in Europa (autovetture + veicoli commerciali Leggeri)rispetto al 1° trimestre 2018.
La quota di mercato autovetture e veicoli commerciali leggeri di Citroën in Europa è pari al 4,9% al temine del 1° trimestre 2019. La quota guadagna+0,6 punti in Francia, raggiungendo 11,8%,+0,6 punti in Spagna, raggiungendo 7,4% (3° mercato) e +0,3 punti in Italia, raggiungendo 5,3% (2° mercato). Il marchio conquista anche una posizione nella classifica dei brand autovetture e veicoli commerciali leggeri, passando dall'ottavo posto del primo trimestre 2018 al settimo di quest'anno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo