Con Formentor la spagnola Cupra si rafforza nei suv sportivi

Modello inedito con motore ibrido 245 Cv, sul mercato nel 2020

Motori Prove e Novità
Chiudi Con Formentor la spagnola Cupra si rafforza nei suv sportivi (ANSA) Con Formentor la spagnola Cupra si rafforza nei suv sportivi

Seat festeggia il primo anniversario dalla creazione del brand Cupra con la presentazione di una concept molto vicina a un inedito modello di serie (che debutterà nel 2020) e con cui intende ''sorprendere il pubblico con la vettura più incredibile, dinamica e accattivante che abbia mai costruito''. In effetti il concept Cupra Formentor - che si colloca tra le hatchback prestazionali e i crossover e i suv tradizionali - apre il futuro della marca sportiva di Barcellona verso nuove fasce di mercato destinato a crescere esponenzialmente e con la potenzialità, come ha detto Wayne Griffiths, CEO e membro del CdA di Cupra, di supportare il raddoppio delle vendite entro i prossimi 3-5 anni.

Cupra Formentor - si legge nella nota dell'azienda - è la dimostrazione dell'ambizione, l'espressività e l'ispirazione intrinseche del marchio e rimarca la posizione di Cupra come brand tecnologico proiettato verso il futuro''. Formentor, che sarà presentato in anteprima al Salone di Ginevra, affiancherà dal prossimo anno il primo modello Cupra, derivato da Seat Ateca.

Progettato per farsi notare, Cupra Formentor impressiona per le forme scolpite - che ne enfatizzano gli attributi e ne esaltano la raffinatezza - e propone un look, inedito per il Gruppo spagnolo - di grande carattere in grado di trasmettere emozione. La carrozzeria di Formentor è ribassata, accentuando così l'impronta sportiva della vettura ed anche se l'enfasi visiva ricade sul posteriore, il disegno valorizza la lunghezza del cofano e le proporzioni dinamiche. A differenza della robustezza che caratterizza i suv tradizionali, il design di Cupra Formentor valorizza in modo importante la qualità degli esterni, un pregio ulteriormente rafforzato dalla soluzione luminosa 'infinita' del posteriori.

Il crossover Formentor monta un propulsore tra i più avanzati, in quanto è composto da un sistema ibrido plug-in progettato per soddisfare le odierne e future esigenze in fatto di prestazioni ed efficienza, avviando al tempo stesso l'elettrificazione del marchio. Grazie al cambio DSG a doppia frizione, i 245 Cv erogati vengono trasmessi alle ruote senza interruzione, mentre la regolazione adattiva dell'assetto (DCC), il differenziale autobloccante e lo sterzo progressivo, permettono di ottimizzare la dinamica di marcia indipendentemente dalle condizioni della strada e dallo stile di guida. La batteria di grandi dimensioni integrata consente a Cupra Formentor di percorrere fino a 50 km in modalità esclusivamente elettrica nel nuovo ciclo WLTP (equivalenti a una percorrenza di circa 70 km nel ciclo NEDC).

Nel suo primo anno di vita, il brand Cupra del Gruppo Seat ha dimostrato il suo potenziale registrando un +40% delle vendite rispetto all'anno precedente, con 14.400 unità immatricolate nel 2018. ''i risultati - ha detto Griffiths - stanno andando ben oltre le nostre aspettative. Desideriamo portare avanti il consolidamento di questo marchio speciale, che sta conquistando i più esigenti appassionati di automobili.

Adesso è arrivato il momento di mettere le ali a Cupra''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Moto: l'elettrica Tacita T-Rally percorre 120mila km

Dal 2014 a oggi in condizioni d'uso reali, su strada e sterrato

Motori Eco Mobilità
Chiudi  (ANSA)
(ANSA) - ROMA, 22 FEB - Una moto elettrica Tacita T-Race Rally ha percorso 120chilometri in condizioni d'uso reali superando, al termine della prova, tutti i test sulla componentistica. Lo rende noto la Casa torinese, che spiega come il percorso sia stato realizzato dal 2014 ad oggi.

"E' il risultato - si legge in una nota - del giusto equilibrio tra motore elettrico, controller e batterie. Abbiamo viaggiato lungo la strada e in fuoristrada con la T-Rally, per raccogliere dati e perfezionare tutti i dettagli della moto.

Dopo aver controllato ogni componente alla fine dei test - si legge ancora - il motore elettrico, il telaio, la frizione e le batterie erano in perfette condizioni. Lo stesso vale per i componenti del cambio, appositamente studiato per questo tipo di moto". Tacita è stata fondata a Torino, da Pierpaolo Rigo e Dina Ollino con l'obiettivo di costruire la 'perfetta moto da corsa elettrica'; il primo prodotto dell'azienda è stato il T-Race Rally. Nel 2012 è stata la prima moto al mondo al 100% elettrica a correre un "Cross Country Rally" nel deserto di Merzouga, in Marocco, in Africa. Da allora, lo sforzo di Tacita si è concentrato sulla ricerca, l'ingegneria e il design. Oggi i risultati sono la famiglia Off Road "T-Race" e la nuova Street "T-Cruise", interamente realizzato a mano.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Il medico di Alex nuovo presidente del Consiglio Superiore di Sanita'

A capo dello staff del Bambin Gesu' che lo ha operato

Salute & Benessere Sanità
Chiudi Sanita': Franco Locatelli nuovo presidente Css (ANSA) Sanita': Franco Locatelli nuovo presidente Css

E' Franco Locatelli il nuovo direttore del Consiglio Superiore di Sanita', direttore del dipartimento di Oncoematologia e terapia cellulare e genica dell'Ospedale Bambino Gesu' di Roma. Locatelli e' nato a Bergano nel 1960 e lavora nell'ospedale romano dal 2010, a capo dello staff che nel dicembre scorso che ha operato Alex con un trapianto di cellule staminali emopoietiche del padre del piccolo. L'esperto e' stato nominato durante la seduta di insediamento dell'organismo consultivo del Ministero della Salute. Auguri a Franco Locatelli, eletto presidente del Consiglio Superiore di Sanità", ha scritto su Twitter il ministro della salute Giulia Grillo, subito dopo la nomina dell'esperto.  
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Dai calamari un’alternativa alla plastica

Da una proteina abiti smart e tessuti che si auto-riparano

Scienza & Tecnica Tecnologie
Chiudi Una proteina dei calamari è alla base di un nuovo materiale alternativo alla plastica (fonte: Betty Wills) (ANSA) Una proteina dei calamari è alla base di un nuovo materiale alternativo alla plastica (fonte: Betty Wills)

Abiti smart, rivestimenti anti-abrasione e tessuti che si auto-riparano: sono solo alcune delle possibili applicazioni del materiale che potrebbe diventare una'alternativa alla plastica, derivato da una proteina scoperta nei denti ad anello che sono sui tentacoli dei calamari. Lo indica la ricerca dell'Università della Pennsylvania pubblicata sulla rivista Frontiers in Chemistry.

Secondo i ricercatori, coordinati da Melik Demirel e Abdon Pena-Francesch, la proteina,amica dell'ambiente e biodegradabile, potrebbe rivoluzionare il mondo dei materiali in tantissimi campi, a partire da energia, biomedicina e abbigliamento. "La natura produce tantissimi materiali con proprietà eccezionali e che possono essere ingegnerizzati per migliorarne le caratteristiche", rilevano i ricercatori.

La proteina dei calamari, chiamata Srt, ha attirato grande interesse per le sue molteplici peculiarità: è elastica, flessibile, resistente e in grado di auto-ripararsi, oltre ad avere proprietà ottiche e termiche. Tutto ciò grazie ai mattoncini costituenti di questa proteina, che possono arrangiarsi in molti modi diversi determinandone le tante caratteristiche.

Srt potrebbe fornire tessuti resistenti alle abrasioni che avvengono in lavatrice e che sono una delle principali fonti di inquinamento da microplastiche, o rivestimenti che si auto-riparano per equipaggiamenti destinati alla protezione da agenti chimici e biologici pericolosi. La proteina può anche essere integrata con altri materiali o tecnologie, ad esempio per vestiti "intelligenti" che difendono dalle sostanze inquinanti e allo stesso tempo monitorano la salute di chi li indossa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

La realtà virtuale entra a scuola

Protom porta 'Scuolab' in classe grazie a protocollo con Miur

Competenze & Territori
Chiudi  (ANSA)

   La realtà virtuale entra in 100 scuole superiori italiane con 'Scuolab', il software realizzato da Protom che porta il laboratorio in classe per rendere l'apprendimento più efficace e immediato grazie alla forza dell'esperienza diretta.

   Concepito per le scuole secondarie di secondo grado, Scuolab rappresenta per i docenti un supporto che permette di ampliare e migliorare l'offerta didattica, potenziandola attraverso elementi tecnologici e innovativi che affiancano il tradizionale libro di testo. Grazie ad un protocollo di intesa con il Miur, Protom, azienda che opera nell'ambito dell'advanced engineering e della information technology, mette gratuitamente a disposizione delle scuole questo strumento didattico innovativo. "La realtà virtuale ci permette di riprodurre in maniera fedele un vero e proprio laboratorio sperimentale, eliminando i costi di manutenzione, i pericoli e le difficoltà logistiche che derivano dalla gestione di un ambiente reale e aprendo agli studenti l'opportunità di diventare, in totale sicurezza, i protagonisti attivi dell'esperienza di apprendimento", spiega il responsabile della divisione Enhancing Solutions di Protom, Giuseppe Santoro, aggiungendo che "Scuolab ambisce a rivoluzionare la visione didattica del laboratorio sperimentale, estendendosi, oltre le discipline scientifiche, anche all'ambito umanistico". Gli istituti sono stati individuati dal Ministero dell'Istruzione, nell'ambito delle attività dei "Protocolli in rete", con l'obiettivo di valorizzare beni e servizi in grado di diffondere la didattica digitale tra studenti e docenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

In viaggio verso la Luna il primo rover privato

Costruito in Israele, apre una nuova pagina nell'esplorazione

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi Il lancio del Falcon9 della SpaceX da Cape canaveral. A bordo il primo rover privato diretto alla Luna (fonte: SpaceX) (ANSA) Il lancio del Falcon9 della SpaceX da Cape canaveral. A bordo il primo rover privato diretto alla Luna (fonte: SpaceX)

E' in viaggio verso la Luna il primo rover costruito da privati e lo sta facendo a bordo di un razzo di un'azienda privata: il rover è stato costruito in Israele, si chiama 'Baresheet', ossia 'in principio', ed è stato lanciato nella notte da Cape Canaveral, alle 02.45 italiane, con il razzo Falcon 9 della SpaceX. E' un evento che apre scenari nuovi e che, in occasione dei 50 anni dallo sbarco sulla Luna, indica come la nuova corsa all'esplorazione lunare veda i privati fra i suoi protagonisti.
A rilevare la novità di questa missione è stato l'amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine, che l'ha definta "un traguardo storico per tutte le nazioni" e un augurio in vista delle future attività congiunte con i privati nella corsa verso la Luna e Marte.
Al primo rover lunare privato ha collaborato anche l'industria italiana, con Leonardo, che ha realizzato i pannelli solari. Il veicolo è stato costruito in Israele dalla SpaceIL, un'organizzazione no-profit che ha raccolto 100 milioni di dollari grazie a imprenditori, istituti di ricerca, Industrie Aerospaziali Israeliane (Iai) e Agenzia Spaziale Israeliana (Isa). La Swedish Space Corporation ha costruito le antenne e la Nasa contribuisce con le tecnologie che permetteranno al rover di comunicare con la Terra.
L'arrivo sulla Luna è previsto tra l'11 e il 12 aprile nel Mare della Serenità, dove nel 1972 atterrarono gli astronauti dell'Apollo 17. Il rover raccoglierà dati per tre giorni terrestri, in una missione molto breve, ma destinata a lasciare il segno sul futuro dell'esplorazione lunare.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Possibile proteggere l'informazione nei computer quantistici

Per eliminare i disturbi, lo dimostra un esperimento italiano

Scienza & Tecnica Fisica & Matematica
Chiudi Rappresentazione grafica dell'esperimento che permette di immagazzinare in modo più sicuro le informazioni sui futuri computer quantistici (fonte: Università di Firenze) (ANSA) Rappresentazione grafica dell'esperimento che permette di immagazzinare in modo più sicuro le informazioni sui futuri computer quantistici (fonte: Università di Firenze)

Passo in avanti verso la possibilità di controllare e proteggere l'informazione nei futuri computer quantistici, che rispondono alle regole del mondo dell'infinitamente piccolo: la ricerca, condotta in gran parte in Italia e pubblicata sulla rivista Nature Materials, indica che, grazie a un nuovo fenomeno magneto-elettrico, diventa possibile controllare e far compiere operazioni logiche alle unità di informazione dei computer quantistici, chiamate qubit, senza che queste vengano alterate dal mondo macroscopico.

La ricerca, coordinata da Maria Fittipaldi e Roberta Sessoli, entrambe dell'Università di Firenze, è stata condotta da Alberto Cini e Andrea Caneschi, sempre dell'Università di Firenze, da Giuseppe Annino, dell'Istituto per i processi chimico fisici del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ipcf-Cnr) di Pisa, e da Alessandro Vindigni del Politecnico di Zurigo. I ricercatori sono riusciti a utilizzare come unità di informazione il movimento di rotazione (spin) degli elettroni.

"Per la sua natura intrinsecamente quantistica, lo spin, ovvero la proprietà delle particelle di orientarsi rispetto a campi magnetici, interagisce difficilmente con il mondo esterno: è sensibile ai campi magnetici e non a quelli elettrici, ma solo questi ultimi - ha detto Fittipaldi - possono essere facilmente confinati nello spazio, e quindi sono in grado di controllare un singolo spin". Un risultato importante nel campo delle tecnologie per l'informazione quantistica, perché questo controllo è necessario per la realizzazione di porte logiche quantistiche.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Conte, acqua bene comune, spero proficuo confronto su ddl

"Sono beni a titolarità diffusa"

Ambiente & Energia Acqua
Chiudi Conte, acqua bene comune,spero proficuo confronto ddl (ANSA) Conte, acqua bene comune,spero proficuo confronto ddl

"L'acqua pubblica è un bene comune per eccellenze, è scritto anche nel contratto di governo, e auspico, nel rispetto delle Camere, che l'esame possa procedere sulla base di un sereno e proficuo confronto". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte all'evento "Lo Stato dei beni comuni: i sindaci nell'aula di Montecitorio".

"Dobbiamo stare attenti, perché sui beni comuni bisogna costruire una terza via e non possiamo schiacciare la categoria esclusivamente a quella dei beni pubblici. E' necessario costruire strumenti istituzionali per individuare i beni comuni che permettano l'accesso ai servizi fondamentali come il diritto all'acqua". Lo ha detto, citando alcuni concetti del costituzionalista Stefano Rodotà, il premier Giuseppe Conte all'evento "Lo Stato dei beni comuni: i sindaci nell'aula di Montecitorio". "I beni comuni sono beni a titolarità diffusa in quanto appartengono a tutti e a nessuno, e devono essere governati nell'interesse delle generazioni che verranno", ha aggiunto il premier.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Telepass debutta anche in Germania e Scandinavia

Nel complesso, salgono a 11 i Paesi serviti da Telepass a livello europeo

Motori Attualità
Chiudi Telepass (ANSA) Telepass

 A marzo Telepass debutterà anche in Germania e Scandinavia. Ad annunciarlo una nota della società controllata dal Gruppo Atlantia.

    Sul nel mercato tedesco il servizio verrà avviato con il dispositivo Telepass Sat, che potrà essere utilizzato per il pagamento del pedaggio dei mezzi pesanti superiori a 7,5 tonnellate. Con l'ingresso in Germania, Telepass punta, nel giro di soli tre anni, a superare il milione di clienti nel settore del truck, partendo da una base di circa 700mila.

    A questo target di clientela, la società del Gruppo Atlantia estenderà anche i servizi a valore aggiunto sul fronte della gestione delle flotte aziendali, utilizzati già oggi da oltre 80mila clienti.

    Entro marzo, Telepass Sat arriverà anche in Danimarca, Svezia e Norvegia, dove, oltre che per il pedaggio, potrà essere utilizzato anche per i servizi di traghettamento offerti dalle compagnie norvegesi Bast› Fosen AS, Fjord1 ASA, Torghatten Nord AS e ATB. Nel complesso, salgono dunque a 11 i Paesi serviti da Telepass a livello europeo: Italia, Francia, Germania, Spagna, Portogallo, Belgio, Austria, Polonia, Svezia, Danimarca, Norvegia. A questi, entro fine 2019, si aggiungeranno anche Ungheria e Slovenia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Aumenta l'interesse per l'acquisto di auto a inizio 2019

Osservatorio mensile di Findomestic realizzato in collaborazione con Doxa.

Motori Attualità
Chiudi Aumenta l'interesse per l'acquisto di auto a inizio 2019 (ANSA) Aumenta l'interesse per l'acquisto di auto a inizio 2019

Crescono le intenzioni di acquisto dei consumatori italiani a gennaio 2019 per le automobili, calano telefonia e fotovoltaico: sono le indicazioni dell'Osservatorio mensile di Findomestic realizzato in collaborazione con Doxa. Risultati positivi per auto nuove (+1,2% su base mensile) e usate (+0,8%), mentre calano le intenzioni d'acquisto per motocicli e scooter. Bene anche l'elettronica di consumo, Tv e Hi-Fi (+0,5%) e i grandi elettrodomestici (+0,6%); non i piccoli elettrodomestici (-0,3%).

    Andamento altalenante per il settore 'informatica, telefonia e fotografia': calano infatti le intenzioni di acquisto per il comparto telefonia (-0,8%) pc e accessori (-1%) tablet ed e-book (-0,4%), mentre l'unico segno positivo si registra nel segmento fotocamere e videocamere (+0,4%). Segno positivo per le voci viaggi e vacanze (+2,5%) e per le attrezzature sportive (+1,1%); in calo il fai da te (-0,2%). Per il comparto energetico Findomestic rileva un calo diffuso nelle intenzioni di acquisto rispetto al mese precedente.   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Tour Tesla in Italia sino a maggio per far guidare Model 3

Il via da Milano, Bologna e Padova, poi tocca a Roma e Firenze

Motori Eco Mobilità
Chiudi Tour Tesla in Italia sino a maggio per far guidare Model 3 (ANSA) Tour Tesla in Italia sino a maggio per far guidare Model 3

E' partito da Milano, Bologna, Padova e Peschiera Borromeo, comune della cintura meneghina, il Tesla Tour Italia 2019, evento itinerante che ha lo scopo di far provare agli automobilisti del Belpaese le auto elettriche del costruttore americano, a cominciare dall'attesissima Model 3. La nuova berlina EV a Stelle e strisce, con 560 km di autonomia per ciclo di ricarica, potrà essere provata per alcune settimane nelle prime città in cui è stata avviata la manifestazione. Dal 25 febbraio partiranno gli eventi programmati a Roma e Dolegna del Collio (Gorizia), il 27 sarà la volta di Firenze. Già ordinabile da gennaio, in consegna in Italia dalla scorsa settimana, la Model 3 al momento viene offerta in due configurazioni, entrambe con doppio motore e trazione integrale AWD. Si tratta della Long Range AWD da 455 Cv (60.580 euro), incentivabile dal primo marzo con gli ecobonus statali (4.000 euro di riduzione sul prezzo di listino che salgono a 6.000 euro in caso di rottamazione), e della AWD Performance da 487 Cv (71.680 euro), che vanta prestazioni più sportive. Il Tour che spazierà da Bari a Courmayeur, si concluderà il 24 maggio con un evento a Genova: al momento sono previste 25 tappe lungo lo Stivale, anche in contemporanea, della durata variabile da un giorno ad alcune settimane. L'elenco completo delle località è indicato sul sito della Tesla, dove è possibile compilare la scheda di adesione e prenotazione necessaria per poter provare le vetture della gamma, comprese quindi la Model S e la Model X.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

AstroSamantha corregge il rapper Emis Killa su Twitter

Gli ricorda la differenza tra astronomo e astronauta, ma poi si scusa

Scienza & Tecnica News
Chiudi . (ANSA) .

Astronomo e astronauta non sono proprio la stessa cosa: lo ricorda Samantha Cristoforetti in un simpatico scambio di battute via Twitter con il rapper Emis Killa, che dal suo profilo social le aveva avanzato un'insolita richiesta di amicizia. "Voglio un amico astronauta. Mi piace troppo l'astronomia e non ne conosco neanche uno. @AstroSamantha vuoi essere mia amica?", aveva cinguettato il cantante, aggiungendo vari emoji raffiguranti la Terra, la Luna e le stelle.

A stretto giro è arrivata la risposta della Cristoforetti, che rigorosa come sempre ha scritto: "Visto l'interesse per l'astronomia, non cerchi piuttosto un'amica astronoma?". Il rapper ha quindi fatto buon viso a cattivo gioco, replicando a sua volta: "Ahahahha ma mi friendzoni cosí? Naggia a te!". Lo scambio però non è passato inosservato e ha suscitato l'ilarità di molti follower, che non hanno risparmiato frecciatine ironiche a Emis Killa: c'è chi gli suggerisce di rivolgersi all'astrologo Paolo Fox, chi gli fa il verso dicendo di cercare un amico 'cinofilo' con cui condividere la passione per il cinema e chi invece, da vero appassionato astrofilo, offre la sua amicizia al cantante, presentando un album di fotografie spaziali scattate con le proprie mani.

In seguito l'astronauta si è scusata: "Sorpresa e turbata dalla 'conversazione' generata da questo tweet. Ho fatto presente, mi pare in maniera neutra, una (comune) ingenuità, senza intenzione di 'blastare', bacchettare, insultare, e ancor meno di incoraggiare altri a insultare. Mi scuso con @RealEmisKilla. che peraltro mi sembra abbia correttamente colto lo spirito, rispondendo con una battuta (e insegnandomi una parola che non conoscevo). Un po' più di mitezza e benevolenza anche, e forse soprattutto, sui social ci farebbe stare tutti meglio, IMHO"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Mobilità elettrica, al via l'edizione 2019 degli eTestDays

Motori Eco Mobilità
Chiudi eTestDays (ANSA) eTestDays

Al via la seconda edizione degli eTestDays che darà la possibilità alle aziende di testare le auto elettriche. "La mobilità elettrica deve essere provata in prima persona. L'iniziativa eTestDays mira proprio a risvegliare l'attrazione per questa tecnologia innovativa", spiega Daniel Alfreider, assessore provinciale alla mobilità.

    L'iniziativa si rivolge a tutte le aziende e imprese altoatesine e dà la possibilità di testare in prima persona un veicolo elettrico per quattro giorni nella quotidianità aziendale. Dal 25 febbraio al 24 marzo tutti gli interessati possono fare domanda di partecipazione su www.greenmobility.bz.it Con un po' di fortuna, a maggio 2019 si potrà testare un veicolo elettrico direttamente in azienda. Saranno messe a disposizione una gamma di veicoli elettrici a batteria e a idrogeno, nonché ibridi plug-in di costruttori automobilistici innovativi. Quest'anno sarà possibile provare anche il veicolo da trasporto. Nel 2018 sono state 670 le domande di partecipazione all'iniziativa eTestDays e 61 aziende hanno effettivamente potuto effettuare il test. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Influenza, i decessi salgono a 95 e 516 i casi gravi

Tra ricoverati in terapia intensiva anche 7 donne in gravidanza

Salute & Benessere Medicina
Chiudi Un medico (ANSA) Un medico

 Salgono a 516, da ottobre 2018, i casi gravi di influenza, e esserne state colpite sono anche 7 in donne in gravidanza, mentre sono 95 le persone decedute. E' quanto rivela il bollettino FluNews-Italia, a cura dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss), che aggiorna il report stagionale con i dati relativi alla settima settimana del 2019.
    Tutti i casi di influenza confermata in persone con infezioni respiratorie acute e insufficienza respiratoria acuta sono stati ricoverati in una Unità di Terapia Intensiva e 376 sono stati intubati. Il 62% dei casi gravi è di sesso maschile e il 91% si è verificato in soggetti over 50 anni. Nell'82% era presente almeno una condizione di rischio preesistente, come diabete, tumori, malattie cardiovascolari o respiratorie croniche. In otto casi su dieci, non erano vaccinati. Il numero complessivo di casi di influenza da ottobre 2018 è arrivato intanto 5.968.000, i contagi settimanali continuano a diminuire ma si mantengono ad un livello di incidenza di media intensità: durante le scorsa settimana sono stati 663.000.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Sequestrati nel Napoletano 4000 litri gasolio

Prelevato da motopeschereccio ormeggiato in porto

Motori Attualità
Chiudi  (ANSA)

Dietro i sedili di una normale autovettura era stata installata una cisterna metallica, dalla capacità di circa mille litri, contenente gasolio di contrabbando. E' quanto hanno scoperto a Caivano (Napoli) i militari del gruppo di Torre Annunziata che hanno condotto una operazione di controllo per contrastare il contrabbando di prodotti energetici sottoposti ad accisa.

    Nel porto di Torre Annunziata (Napoli) i militari hanno accertato che si prelevava da un motopeschereccio gasolio che veniva poi immesso in una cisterna che era a bordo di una vettura. Complessivamente, nel corso di tali operazioni, sono state sottoposte a sequestro due autovetture, un motopeschereccio, l'attrezzatura per il trasporto del prodotto e quasi 4 mila litri di gasolio di contrabbando destinato alla pesca marittima, e deferite alle competenti Autorità Giudiziarie cinque persone.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Veicoli commerciali, +6,2% a gennaio

Dati Acea su immatricolazioni in Europa

Motori Industria
Chiudi Veicoli commerciali (ANSA) Veicoli commerciali

Il mercato dei veicoli commerciali a gennaio è cresciuto in Europa del 6,2%: le immatricolazioni - secondo i dati dell'Acea, l'associazione dei costruttori europei - sono state 199.853, volume record per il primo mese dell'anno.
    Tutti i principali mercati sono in crescita a eccezione dell'Italia (-1,3%) con la Germania che registra il più alto livello del mese (+15,8%), seguito da Uk (+9.7%), Francia (+8.4%) e Spagna (+8.3%). 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

CO2 e consumi, è scontro aperto fra Diesel ed elettrico

A #ForumAutoMotive previsto intervento del vice ministro Galli

Motori Eco Mobilità
Chiudi  (ANSA)

Calcoli reali sulla CO2 emessa dai veicoli e sui consumi, inquinamento da considerare anche sul ciclo vita di auto e batterie, compresi il loro smaltimento, incidenza della qualità dei combustibili e delle fonti energetiche, tra i sostenitori e i detrattori del Diesel e quelli dell'elettrico gli argomenti di scontro sono numerosi. Sull'argomento, di estrema attualità con l'entrata in vigore dell'ecotassa e degli incentivi statali per le auto a basso impatto ambientale, è previsto un intervento dell'onorevole Dario Galli, viceministro per lo Sviluppo economico, nella prossima edizione di #ForumAutoMotive, in programma a Milano, il 18 marzo.

All'appuntamento dal titolo eloquente, 'Sul ring dell'automotive la sfida tra alimentazioni tradizionali e di ultima generazione', parteciperanno vari esponenti di primo piano del settore auto. Sul palco dell'Enterprise hotel si confronteranno in due dibattiti alcuni rappresentanti di associazioni di categoria, esperti, dirigenti di aziende produttrici di carburanti tradizionali e di altre impegnate sulle alimentazioni alternative, con l'obiettivo di far luce sugli aspetti tecnici e scientifici che sottendono l'una e l'altra posizione. Nell'occasione saranno diffusi i risultati di studi inediti, promossi dall'Unione Petrolifera, da AlixPartners e da Doxa che, tra l'altro, forniranno la percezione dell'opinione degli italiani riguardo a queste tematiche. La mattinata si concluderà con la consegna del premio 'Personaggio dell'anno 2019 per #ForumAutoMotive'. "Oggi la confusione sull'argomento è totale - sottolinea il giornalista Pierluigi Bonora, fondatore e promotore del movimento di opinione #ForumAutoMotive - tanto che la stessa politica di frequente arriva a confondere le emissioni inquinanti con quelle climalteranti e assume provvedimenti, senza consultare seriamente i diversi anelli della filiera, sulla base di posizioni, spesso ideologiche, che rischiano di generare effetti contrari a quelli cercati, come nel caso dell'imminente bonus-malus. Con questo dibattito, vogliamo fare chiarezza e aiutare l'automobilista a scegliere con serenità l'auto nuova, in una situazione che crea ansia sia per le incertezze congiunturali riguardanti l'Europa e l'Italia, sia per il bombardamento di messaggi, spesso in antitesi tra loro sull'alimentazione da scegliere, sia per provvedimenti di limitazioni al traffico che arrivano persino a bloccare veicoli di ultimissima generazione, seppur virtuosi a livello di emissioni".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Per suv sportivo SQ5 da 347 Cv Audi sceglie il turbodiesel

Sofisticato motore 3.0 V6 mild hybrid con compressore elettrico

Motori Prove e Novità
Chiudi  (ANSA)
Per il suo nuovo suv sportivo SQ5 Audi ha scelto una strada, quella della motorizzazione diesel, che sembra andare controcorrente rispetto all'andamento generale dei modelli a gasolio ma che conferma invece - attraverso soluzioni tecniche di assoluto rilievo - come il progresso tecnologico delle moderne unità diesel non solo possa eliminare quasi completamente le emissioni nocive per l'ambiente, ma anche stabilire nuovi record prestazionali.

Nuovo SQ5 TDI è infatti dotato di un motore V6 3.0 che sfrutta un sistema di sovralimentazione con turbocompressore che non è azionato dai soli gas di scarico ma da un 'assistente' elettrico che fornisce muove la turbina turbocompressore quando il flusso dello scarico non è sufficiente per avere una pressione adeguata. E' il caso dell'avviamento e delll'accelerazione sotto ai 1.650 giri quando il sistema EPC (che sfrutta un motore elettrico compatto da 7 kW) riesce a far accelerare la turbina a 65.000 giri in circa 300 millisecondi, producendo quasi istantaneamente una pressione di sovralimentazione di 1,4 bar.

Il risultato sono una potenza di 347 Cv e sopratutto una coppia massima di 700 Nm, che è disponibile fra 2.500 e 3.100 giri. Il suv SQ5 TDI può così accelerare da 0 a 100 k/h in 5,1 sec e raggiungere una velocità - limitata elettronicamente - di 250 km/h. Ma non è tutto: grazie alla presenza del sistema mild hybrid a 48 Volt, che sfrutta una batteria agli ioni di litio da 10 Ah, il nuovo suv sportivo Audi consuma, a seconda delle varianti di gommatura, fra 6,6 e 6,8 litri per 100 km ed emette fra 172 e 177 g/km di CO2 secondo l'omologazione Euro 6d-temp.

Come tutte le varianti S delle diverse gamme Audi, anche SQ5 TDI viene proposta di serie con la trazione integrale Quattro, che funziona in condizioni normali con una distribuzione della coppia fra asse anteriore e asse posteriore secondo il rapporto 40:60. In casi in cui la guida o le condizioni del fondo richiedono un differente trasferimento della coppia sulle ruote, si può arrivare da un minimo del 30% sul retro treno (e quindi del 70 all'avantreno) ad un rapporto massimo del 15:85.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Riscoperta l'ape gigante in Indonesia, si pensava fosse estinta

E' la Megachile pluto, con un'apertura alare di 6,3 cm

Scienza & Tecnica News
Chiudi Riscoperta Megachile pluto in Indonesia, si pensava fosse estinta. Fermo immagine video Australian Academy of Science (ANSA) Riscoperta Megachile pluto in Indonesia, si pensava fosse estinta. Fermo immagine video Australian Academy of Science

ROMA - E' stata riscoperta su un'isola indonesiana l'ape più grande del mondo - la Megachile pluto, chiamata anche ape gigante di Wallace - una specie che si pensava fosse ormai estinta poichè l'ultimo esemplare di questo insetto era stato osservato quasi 40 anni fa.

 

 



Da allora l'ape gigante di Wallace, dal nome del naturalista britannico Alfred Russel Wallace che la scoprì sull'isola indonesiana di Bacan nel 1858, aveva fatto perdere le proprie tracce.

Fino al 1981, quando l'entomologo americano Adam Messer aveva osservato alcuni esemplari su tre isole indonesiane e ne aveva studiato il comportamento. Poi, per 38 anni, nessuno aveva più visto l'ape gigante di Wallace.

L'attuale scoperta è stata fatta da un team guidato da Clay Bolt ed Eli Wyman - scrive Newsweek - e finanziato da Global Wildlife Conservation, che ha organizzato una spedizione sull'isola indonesiana di North Moluccas e dopo cinque giorni di pazienti ricerche ha trovato un esemplare femmina che viveva in un nido di termiti su un albero a circa 2,4 metri dal suolo. Le femmine di questa specie possono raggiungere una lunghezza di 3,9 cm con un'apertura alare di circa 6,3 cm.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

I futuri robot flessibili imitano un microrganismo

Potranno adattare la loro forma agli ambienti più diversi

Scienza & Tecnica Tecnologie
Chiudi Un esemplare del microrganismo Euglena, le cui proprietà hanno ispirato i futuri robot flessibili (fonte: Proyecto Agua) (ANSA) Un esemplare del microrganismo Euglena, le cui proprietà hanno ispirato i futuri robot flessibili (fonte: Proyecto Agua)

Un microrganismo acquatico capace di adattare la forma del suo corpo allo spazio in cui si trova ispira i futuri robot flessibili, capaci di muoversi in ambienti difficili, come i detriti provocati da un disastro naturale, e perfino all'interno del corpo umano. E' lo scenario descritto dalla ricerca pubblicata sulla rivista Nature Physics e nata dalla collaborazione fra Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa) di Trieste, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, Istituto nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (Ogs) e Università Politecnica della Catalogna. Sotto la guida di Antonio De Simone, della Sissa e dell'istituto di Biorobotica della Scuola Sant'Anna, e Marino Arroyo, dell'Università Politecnica della Catalogna, hanno analizzato i movimenti dell'organismo unicellulare chiamato Euglena.

"Abbiamo capito - ha detto Arroyo - il meccanismo per cui Euglena usa il proprio involucro per eseguire i suoi movimenti, quello che ci sfuggiva era il motivo per cui lo facesse". Combinando osservazioni sperimentali e modelli matematici, i ricercatori hanno dimostrato come le deformazioni del corpo permettano al microrganismo di avanzare con maggiore fluidità. "I biologi - ha rilevato De Simone - possono finalmente porre la questione di come questi diversi stili si adattino alla storia evolutiva di Euglena.

Ora sappiamo che è un organismo unicellulare strisciante capace di muoversi con estrema efficienza in ambienti confinati. Tuttavia rimane ancora poco chiaro se e come gli organismi unicellulari usano questa capacità nel loro ambiente naturale". L'involucro di questo microrganismo è diventato fin da adesso un modello per la robotica.

"L'involucro di Euglena, composto da sottili strisce elastiche collegate a motori molecolari, si presenta - ha detto Arroyo - come una meraviglia ingegneristica ed Euglena sembra ispirarsi al principio di intelligenza incarnata, un nuovo paradigma secondo cui un robot flessibile può rispondere in modo affidabile a richieste complesse sfruttando la sua adattabilità". Robot coem questi, conclude De Simone, "potrebbero essere concepiti per muoversi in ambienti articolati come terreni, detriti e persino dentro il corpo umano".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Vista dalla Terra la luce di una catastrofe cosmica

Catturata da una rete di 33 radiotelescopi

Scienza & Tecnica Spazio & Astronomia
Chiudi Rappresentazione artistica dei getti generati dalla fusione di due stelle di neutroni (fonte: Beabudai Design) (ANSA) Rappresentazione artistica dei getti generati dalla fusione di due stelle di neutroni (fonte: Beabudai Design)

Non solo onde gravitazionali e raggi gamma: la collisione delle due stelle di neutroni che nel 2017 era stata seguita da tutto il mondo ha prodotto anche un getto di materia la cui luce ha viaggiato per 130 milioni di anni luce fino alla Terra. Lo ha visto una rete di 33 radiotelescopi e il risultato, pubblicato sulla rivista Science, parla italiano. Ha coordinato la ricerca Giancarlo Ghirlanda, dell'Osservatorio di Brera dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), e hanno partecipato tanti ricercatori di altre sezioni dell'Inaf, dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e di molte università.

Dopo la scoperta del 17 agosto 2017, i ricercatori hanno continuato a monitorare la sorgente GW170817, che subito dopo aver generato le onde gravitazionali aveva prodotto un rapidissimo lampo di raggi gamma, durato meno di due secondi, e una gigantesca esplosione durata circa 10 giorni, nella quale il materiale delle due stelle era stato scagliato nello spazio interstellare.


Rappresentazione artistica dei getti generati dalla fusione di due stelle di neutroni (fonte: O.S. Salafia, G. Ghirlanda, NASA/CXC/GSFC/B. Williams et al.)

 

Oltre a questi fenomeni, ce ne era un terzo, al quale non si era riusciti a dare subito un'identità: una emissione luminosa, rilevata in tutte le frequenze dello spettro elettromagnetico, dall'ottico, ai raggi X, alle onde radio, che "lentamente aumentava e ha raggiunto il massimo splendore circa 200 giorni dopo, cioè all'inizio del 2018, e poi ha cominciato a spegnersi", ha detto all'ANSA Ghirlanda.

I ricercatori si sono concentrati proprio su questa emissione che è stata osservata al culmine della sua luminosità con 33 osservatori distribuiti su tutta la Terra, compresa l'Italia con i radiotelescopi di Medicina (Bologna) e Noto (Siracusa). "Queste osservazioni - ha spiegato Ghirlanda - hanno permesso di fotografare con la più alta risoluzione possibile il fenomeno, consentendoci di vedere i dettagli più piccoli della sorgente".


Rappresentazione grafica di tutti i radiotelescopi coinvolti nelle osservazioni (fonte: Paul Boven)

 

In questo modo è stato identificato il getto: "Abbiamo visto una emissione compatta, come se fosse uno spillo che non punta direttamente verso la Terra, ma è inclinata di circa 20 gradi".
La scoperta contribuisce ad avere un quadro ancora più chiaro di quello che è successo il 17 agosto 2017, quando nella periferia della galassia NGC 4993, nella costellazione dell'Idra, due stelle di neutroni si sono scontrate, generando un buco nero, che potrebbe avere la massa circa il doppio di quella del Sole

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Fiat Professional a Transpotec Logitec con 14 veicoli

Tra i protagonisti il Ducato, best seller del mercato europeo

Motori Attualità
Chiudi Fiat Professional a Transpotec Logitec con 14 veicoli (ANSA) Fiat Professional a Transpotec Logitec con 14 veicoli

Fiat Professional partecipa a Transpotec Logitec, la più importante manifestazione italiana completamente dedicata al settore dei trasporti e della logistica, in corso a Verona. Espone quattordici veicoli della sua articolata gamma che copre tutti i segmenti, dalle car-derived van ai grandi furgoni. Tra i protagonisti il Ducato, il best seller di Fiat Professional e leader incontrastato del mercato europeo. Non manca la gamma ecologica rappresentata dal Ducato Minibus e dal Doblò Cargo, entrambi Natural Power. Durante le giornate dell'evento saranno presenti sullo stand gli oltre 200 consulenti di vendita dedicati Fiat Professional.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Fca: prodotte 500.000 Fiat Tipo

L'ultima nata è una 5 Porte Sport

Motori Attualità
Chiudi Fiat, prodotte 500.000 Fiat Tipo (ANSA) Fiat, prodotte 500.000 Fiat Tipo

Fiat Tipo raggiunge, a meno di tre anni dal lancio, le 500.000 unità prodotte. L'esemplare prodotto nello stabilimento di Bursa, in Turchia è una Tipo 5 Porte Sport, modello sviluppato in collaborazione con Mopar, equipaggiata con il motore 1.6 Multiject Dct da 120 Cv. La Fiat Tipo è protagonista nel suo segmento in Italia e nella top 10 in quattro Paesi europei e con oltre il 70% delle unità vendute fuori dai confini nazionali è la seconda vettura più globale del marchio Fiat.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

Ottenuto un super Dna, aiuterà a scoprire la vita aliena

Il suo codice ha 8 lettere e non esiste in natura

Scienza & Tecnica Biotech
Chiudi Il Dna sintetico a otto lettere conserva la struttura tridimensionale della caratteristica doppia elica (fonte: Millie Georgiadis, Indiana University School of Medicine) (ANSA) Il Dna sintetico a otto lettere conserva la struttura tridimensionale della caratteristica doppia elica (fonte: Millie Georgiadis, Indiana University School of Medicine)

Ottenuto un super Dna, non esiste in natura ha un alfabeto molecolare di otto lettere anziché di quattro come il Dna naturale e per questo riesce a immagazzinare un grande numero di informazioni. Pubblicato sulla rivista Science dalla Foundation for Applied Molecular Evolution e dall'azienda Firebird Biomolecular Science, il nuovo Dna potrà aiutare a riconoscere eventuali forme di vita aliena, a ottenere nuovi tipi di farmaci e a immagazzinare dati.

"E' un risultato di grandissimo interesse per la comunità scientifica", ha commentato Andrea Cavalli, direttore del laboratorio di Biologia e Chimica Computazionale dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit). "Dimostra - ha aggiunto - che è possibile mantenere una struttura tridimensionale stabile" anche utilizzando lettere del codice genetico, le 'basi', diverse da quelle standard. Il Dna naturale alla base di ogni forma di vita sulla Terra è composta dalle lettere A, C, T, G, il Dna super-potenziato ha, accanto a queste, le lettere Z, P, S, B.

Per questo i ricercatori lo hanno chiamato 'hachimoji Dna', dai termini giapponesi 'hachi', che significa 'otto', e 'moji' che significa 'lettera'. Dna sintetico potenziato, con un paio di lettere in più, era stato ottenuto in passato, ma adesso la grande differenza è che il nuovo codice sintetico a otto lettere funziona in modo del tutto simile al Dna naturale. Vale a dire che può essere copiato nello stesso modo dalla molecola che è il suo braccio destro, l'Rna, altrettanto potenziata, ed è inoltre in grado di controllare la produzione di proteine.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo

A Transpotec presentato il Raptor di Ford

Presentato insieme al nuovo Transit da due tonnellate

Motori Industria
Chiudi Ford Transpotec 2019_Stand_1 (ANSA) Ford Transpotec 2019_Stand_1

Nuovo arrivato in Italia tra i veicoli commerciali di casa Ford: è il Ranger Raptor, presentato insieme al nuovo Transit da 2 tonnellate in occasione di Transpotec Logitec, la fiera dei trasporti organizzata da Fiera Milano e inaugurata a Verona Fiere (fino al 24 febbraio).
    Il nuovo Transit arriverà sul mercato entro la metà del 2019 con un nuovo design, interno ed esterno, motore più efficiente e migliori capacità di carico; il Raptor sarà disponibile, invece, dalla seconda metà dell'anno nella versione Bi-Turbo del motore diesel Ecoblu 2.0 (213 Cv, 500 Nm di coppia) abbinata al nuovo cambio automatico 10 rapporti.
    L'innovazione dell'Ovale Blu, oltre al nuovo modello pick-up Raptor e al restyling del Transit, passa anche dall’arrivo del Transit Custom Plug-In Hybrid (PHEV) equipaggiato con un sistema ibrido avanzato che garantisce un'autonomia di percorrenza a emissioni zero fino a 50 km e con il motore a benzina EcoBoost 1.0 che consente di estendere l’autonomia di percorrenza fino a 500km.
    Un settore, quello dei veicoli commerciali, su cui Ford ha puntato ed è cresciuta negli ultimi anni: "in sei anni siamo passati da 400 unità commerciali vendute a oltre 22mila veicoli nel 2018, conquistando il 12,8% della quota di mercato,+ 0,8% rispetto al 2017", ha precisato Marco Buraglio il direttore vendite veicoli commerciali di Ford Italia.
    E proprio sui commerciali la Ford Italia continua a puntare, tanto che proprio dalla kermesse dei trasporti lancia anche una nuova campagna di incentivi, che sarà attiva da domani: "Si tratta di un programma di ecoincentivi, nei nostri concessionari, finalizzato allo svecchiamento del parco circolante in Italia", considerando che oltre 2 milioni di veicoli circolanti in Italia sono euro 0-1-2-3.
    "Uno speciale bonus, fino a 1000 euro di ecoincentivo per veicoli commerciali Ford, di cui i consumatori usufruiranno per sostituire un parco decisamente troppo vecchio", ha concluso Buraglio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA Leggi l'articolo completo