G7:Le Maire preoccupato per moneta virtuale Facebook

'Inaccettabile che multinazionali si trasformino in Stati'

(ANSA) - PARIGI, 17 LUG - "Nessuno può accettare che delle multinazionali con oltre un miliardo di utenti si trasformino in Stati privati. E si dotino di un moneta capace di competere con valute sovrane, se non destabilizzare le riserve delle banche centrali, senza obblighi di controllo sui rischi di riciclaggio o di lotta al finanziamento del terrorismo": lo dice il ministro francese dell'Economia, Bruno Le Maire, in un'intervista al quotidiano Le Figaro nel giorno del G7 Finanze. Sul tavolo dei lavori a Chantilly, anche il ruolo dei cosiddetti 'stablecoins', le monete virtuali, in particolare, il progetto Libra di Facebook. "I miei timori su Libra e la mia volontà di riflettere a una regolazione efficace sono noti. Osservo che il segretario al Tesoro (Usa) ha espresso preoccupazioni simili. Dobbiamo appprofittare delle discussioni a Chantilly per progredire". Fino ad un possibile divieto? "Aspettiamo di vedere le valutazioni e le raccomandazioni fatte dai banchieri centrali - risponde Le Maire - sono temi molto sensibili, che riguardano la sovranità degli Stati e la protezione delle persone. Non si può dare luce verde ad un progetto che non fosse inquadrato da una stretta regolamentazione ed efficace". (ANSA)
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who