Onu:più censura in Cina durante epidemia

Arresti per avere diffuso informazioni o criticato il governo

(ANSA) - GINEVRA, 3 GIU - La Cina e altri Paesi asiatici come Cambogia e Filippine hanno rafforzato la loro "censura" dopo la pandemia di coronavirus. Lo denuncia l'alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet. Il suo ufficio ha ricevuto informazioni su oltre una decina di operatori sanitari, accademici e cittadini comuni apparentemente arrestati e accusati di aver diffuso opinioni e informazioni sulla situazione relativa al Covid-19 o che hanno criticato la risposta del governo all'epidemia.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie