Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: acquisti netti banche in valuta estera per 46 mld dlr

Dicembre, comprate valute per 279,7 mld, vendute per 233,7 mld

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 21 GEN - Le banche cinesi hanno incassato un acquisto netto di valuta estera nel 2021, in quanto il tasso di cambio dello yuan è rimasto generalmente stabile e i flussi di capitali transfrontalieri sono stati mantenuti in modo ragionevole e ordinato.
    Nel mese di dicembre, gli istituti di credito cinesi hanno acquistato 279,7 miliardi di dollari in valute estere e hanno venduto 233,7 miliardi di dollari, con un conseguente acquisto netto di 46 miliardi di dollari; questo quanto dichiarato dalla State Administration of Foreign Exchange (Safe).
    I dati mostrano che nel corso del 2021 le banche hanno registrato un acquisto netto di valuta estera di 267,6 miliardi di dollari.
    Wang Chunying, vice capo della Safe, ha evidenziato che, durante lo scorso anno, la valuta cinese è rimasta generalmente stabile a un livello ragionevole ed equilibrato come conseguenza degli sforzi di Pechino di bilanciare il controllo epidemico e la ripresa economica.
    Secondo Wang, i solidi fondamentali a lungo termine della Cina e gli sforzi per espandere l'apertura bidirezionale del mercato dei capitali contribuiranno a mantenere stabile il flusso di capitale transfrontaliero.
    Wang ha evidenziato che il Paese farà sì che il ruolo del tasso di cambio dello yuan come stabilizzatore automatico nella regolazione della macroeconomia e dei pagamenti internazionali sia svolto a pieno titolo, aggiungendo che il mercato forex cinese dovrebbe mantenere la stabilità generale e osservare uno sviluppo più equilibrato nel 2022.
    I dati precedenti hanno mostrato che le riserve forex della Cina si sono espanse arrivando 3.250,2 miliardi di dollari a fine dicembre, con un aumento di 27,78 miliardi di dollari rispetto al mese di novembre. (ANSA-XINHUA).
   

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie