• Israele - Dignitaria sudanese contagiata, vano il soccorso di Netanyahu

Israele - Dignitaria sudanese contagiata, vano il soccorso di Netanyahu

28 maggio

Redazione ANSA

Momenti di crisi possono offrire l'occasione di rafforzare le relazioni diplomatiche. Nei giorni scorsi questa prospettiva è stata evocata dal premier israeliano Benyamin Netanyahu in conversazioni telefoniche da lui avute - in occasione della festività religiosa islamica dell'Id el-Fiter - con i dirigenti di Sudan e Ciad. Pochi giorni dopo un piccolo aereo privato è decollato da Tel Aviv, diretto segretamente a Khartum.
    La sua missione - hanno rivelato ieri due emittenti televisive israeliane - era di prestare soccorso urgente alla diplomatica sudanese Najwa Gadah Aldam, contagiata da coronavirus e gravemente ammalata. In passato Gadah Aldam aveva contribuito alla distensione delle relazioni fra Sudan ed Uganda e a febbraio aveva anche organizzato un incontro senza precedenti nel suo genere - in Uganda - fra Netanyahu ed il leader sudanese Abdel Fattah al-Burhan.
    Nell'aereo, secondo l'emittente Canale 13, c'era personale medico israeliano con medicinali necessari per assistere l' esponente sudanese e per prepararla ad un ricovero in Israele.
    Ma la missione è fallita perché la donna (qualificata adesso in Israele come "la tessitrice delle relazioni col Sudan") non era ormai più in grado di affrontare un volo. Dopo il ritorno dell' aereo in Israele è giunta notizia del suo decesso.
    Nel frattempo si è appreso che negli ultimi mesi lo stesso misterioso velivolo si è recato in almeno altri tre Paesi africani ed in Paesi del Golfo. Se la cosa abbia qualche implicazione politica lo si saprà, forse, in futuro.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Modifica consenso Cookie