Oggi è il World Emoji Day

Sondaggio Wiko, per 42% meglio non utilizzare faccine nel lavoro

C'è una giornata per tutto anche per le emoji, cioè le faccine che sono entrate da tempo in chat, messaggi e social. Il 17 luglio si festeggia il World Emoji Day, la faccina che ride a crepapelle è stata eletta parola dell'anno 2015 dai dizionari Oxford.

Secondo un'indagine di Wiko, le emoji più diffuse sono quelle legate a emozioni positive. Al primo posto c'è la faccina che piange di gioia (usata dal 53% del campione italiano), seguita dal classico smile che sorride (18%) e dalla faccina con gli occhi a forma di cuore (16%). Inoltre, se il 100% del campione le usa abitualmente per velocizzare e sintetizzare messaggi, per il 42% degli intervistati è meglio non utilizzarle all'interno delle comunicazioni in ambito professionale, mentre il 25% dice che sarebbe meglio evitarne l'utilizzo, oltre che con il proprio responsabile anche con i colleghi di lavoro.

C'è una emoji per tutti i gusti, interraziali, no gender, per l'insalata vegana e anche per la doppia elica del Dna. E a cadenza regolare ne sono disponibili sempre di più e delle più disparate a testimonianza di quanto sia diventato un'abitudine consolidata comunicare con le faccine. Il termine emoji deriva dal giapponese e vuol dire pittrogramma, cioè un disegno o un simbolo in uno o più colori immediatamente riconoscibile.

La prima faccina è stata creata tra il 1998 e il 1999 da Shigetaka Kurita, che lavorava per dispositivi mobili della società di telecomunicazioni NTT DoCoMo. Poi sono arrivate in Occidente e sono state inserite nel sistema di codifica Unicode. Ad oggi ne sono disponibili migliaia e non c'è tastiera o computer o sistema operativo, da iOS di Apple ad Android di Google, che non abbia le proprie faccine.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA