Mercato digitale Italia, in 3 anni +2,8%

Rapporto Anitec-Assinform 2019, per 2018 proiezioni +2,5%

Il mercato digitale italiano crescerà nel triennio 2019-2021 a un tasso medio annuo del 2,8%, passando da 72,2 miliardi di euro quest'anno a 76,5 miliardi fra tre anni. E' quanto emerge dal Rapporto Anitec-Assinform 2019, la cui proiezione segue a un 2018 chiuso in crescita del 2,5%. Il mercato digitale (informatica, telecomunicazioni, contenuti digitali ed elettronica di consumo) "cresce ed è solido, ma siamo ancora al di sotto delle potenzialità", commenta il presidente di Anitec-Assinform, Marco Gay, segnalando il gap tra il Pil digitale e quello del Paese.

"Questo divario non permette al settore Ict di crescere a doppia cifra - aggiunge - Per cui, bisogna riagganciare il pil generale, che sta crescendo poco, al pil digitale che sta crescendo bene, per creare valore aggiunto". Secondo il numero uno dell'Associazione delle imprese Ict aderente a Confindustria, "la politica economica ancora sottovaluta la portata della trasformazione digitale e non affronta il problema di un sistema a due velocità, con imprese impegnate a innovare e ancora troppe entità, di piccole dimensioni, in netto ritardo e che frenano".

L'auspicio è che vengano "rafforzate le misure già varate, finanziandone di nuove già in legge di Bilancio, e dare operatività al Fondo per l'Innovazione, che può dare una marcia in più anche al settore Ict". Più nel dettaglio, considerando le diverse componenti più innovative, da qui al 2021 cresceranno a tassi medi annui del 14,2% l'IoT, del 13,9% la Cybersecurity, del 22% il Cloud, del 14,7% l'ambito Big Data, dell'11,6% le piattaforme per la gestione web, del 9,1% il mobile business, dell'11,8% i prodotti e le applicazioni Wearable. In fortissima crescita anche lntelligenza Artificiale e Blockchain.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA