05:40

Italia-Eau, Conte arrivato ad Abu Dhabi

Prima incontro con imprenditori in albergo alle Etihad Towers

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ABU DHABI, 15 NOV - Il premier Giuseppe Conte è arrivato nella notte ad Abu Dhabi dove avrà alle 12:30 ora locale, un incontro bilaterale con il Principe ereditario dell'Emirato di Abu Dhabi Mohammed bin Zayed Al Nahyan. Prima, in uno degli alberghi più famosi della capitale emiratina, situato nelle Etihad Towers, Conte avrà invece un incontro con una rappresentanza di imprenditori italiani.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

04:19

Salgono vittime incendi California, 56

Altre 130 persone risultato disperse, secondo le autorità

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - NEW YORK, 14 NOV - Sale a 56 il bilancio delle vittime degli incendi in California. Altre 130 persone restano disperse. Lo riferiscono le autorità americane.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

02:47

Scossa di magnitudo 3.0 nel Reatino

Scossa registrata a 1 km da Accumoli e 8 km da Amatrice

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 15 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.0 è stata registrata dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nel Reatino. L'epicentro del sisma, avvenuto alle 2:02 ad una profondità di 11 km, è ad 1 chilometro da Accumoli e a 8 da Amatrice.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

01:18

Borsa Tokyo apre in ribasso (-0,71%)

Cambi, yen verso rivalutazione su dollaro ed euro

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - TOKYO, 15 NOV - La fase di correzione che interessa Wall Street ormai da inizio settimana, in particolare il settore della tecnologia al Nasdaq, si riflette sull'andamento della Borsa di Tokyo. L'indice di riferimento Nikkei segna una variazione negativa dello 0,71% in apertura, a quota 21.691,13, con una perdita di 155 punti. Sul mercato dei cambi lo yen si rafforza leggermente sul dollaro a 113,50, e sull'euro a un valore di 128,40.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

23:36

Brexit: Pe, poste basi per accordo equo

Ora parola ai Parlamenti. Farage, 'peggior accordo della storia'

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - STRASBURGO, 14 NOV - "È incoraggiante vedere che ci stiamo muovendo verso un accordo equo che dovrebbe garantire un ritiro ordinato, compreso un 'backstop' che garantisca che non ci sarà alcun rafforzamento del confine nel Nord Irlanda e che l'accordo del Venerdì Santo sarà salvaguardato. Questo accordo rappresenta una pietra miliare verso una relazione futura credibile e sostenibile tra l'Ue e il Regno Unito". E' quanto sottolinea, a nome di tutto il gruppo di coordinamento sulla Brexit del Parlamento europeo, il coordinatore Guy Verhofstadt.
    "Spetta ora ai parlamentari eletti su entrambi i lati della Manica - prosegue Verhofstadt - fare il loro lavoro e esaminare attentamente l'accordo proposto". Il Parlamento europeo avrà l'ultima parola, insieme al Parlamento del Regno Unito, sull'accordo". Verhofstadt afferma di sperare "che un giorno il Regno Unito tornerà", mentre per l'europarlamentare euroscettico britannico Nigel Farage si tratta del "peggior accordo della storia".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

23:28

Brexit: Barnier, progressi decisivi

'Resta molto lavoro da fare'. Atteso da Tusk a Strasburgo

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - BRUXELLES, 14 NOV - "Questo accordo rappresenta una tappa determinante per concludere questi negoziati" sulla Brexit con la Gran Bretagna. Così il capo negoziatore Ue Michel Barnier, dopo il sì del governo May. "Considero che questa sera siano stati fatti progressi decisivi" per un "ritiro ordinato" della Gran Bretagna dall'Ue e per gettare le basi per "la relazione futura", ha aggiunto, ma "resta molto lavoro da fare, il cammino è ancora lungo e difficile". Per Barnier sarà "possibile estendere il periodo di transizione" della Brexit di 21 mesi, previsto dal 29 marzo 2019 al 31 dicembre 2020, "attraverso un accordo congiunto" nel caso in cui "non saremo pronti per il luglio 2020" a un accordo definitivo sulla frontiera irlandese. Intanto domani mattina alle 7.50 il capo negoziatore Ue per la Brexit Michel Barnier incontrerà il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk per informarlo dei "progressi decisivi" fatti sull'accordo di addio. Questo apre la strada per la convocazione da parte di Tusk del vertice Ue a 27.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA