Toscana

A Fiesole nasce primo distretto biologico toscano

Ok Regione a progetto per comune ad alta vocazione green

Redazione ANSA FIRENZE

(ANSA) - FIRENZE, 04 AGO - Primo comune in Toscana, Fiesole (Firenze) diventa Distretto biologico. Gli uffici regionali hanno firmato il decreto che lo riconosce e che approva il progetto economico territoriale presentato dall'amministrazione comunale fiesolana, della durata di cinque anni e che farà della cittadina un comune ad alta vocazione green. Il distretto biologico di Fiesole adesso sarà inserito dal ministero per le Politiche agricole nell'albo nazionale dei distretti del cibo.
    Già distretto rurale a vocazione biologica, Fiesole, si spiega dalla Regione, "ha passato l''esame' imposto dalla legge regionale sui distretti biologici, dimostrando di avere tutte le carte in regola per candidarsi e laurearsi. Con almeno il 30% di produzione biologica che prevede di incrementare, le oltre 45 aziende agricole bio e con il suo piano economico integrato ben fatto, Fiesole ha dimostrato di avere tra le sue priorità lo sviluppo del biologico e la tutela e la promozione delle produzioni biologiche del territorio e delle filiere collegate, lo sviluppo della filiera corta, la promozione dell' agrobiodiversità insieme alla valorizzazione delle conoscenze contadine e tradizionali del territorio e la volontà di promuoverle".
    "E' un riconoscimento più che meritato", commenta la vicepresidente della Toscana Stefania Saccardi, spiegando che "l'iter, avviato nel 2015, ha visto via via varie tappe importanti che oggi possiamo dire vedono finalmente il loro coronamento. Il distretto di Fiesole si inserisce in un territorio già molto sensibilizzato oltre che conosciuto in tutto il mondo per le sue bellezze storiche, artistiche e culturali. Un segnale importante per tutto il settore dunque.
    Attendiamo che presto altri Comuni seguano la stessa strada".
    Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Fiesole Anna Ravoni: "Questo riconoscimento premia un lavoro importante, fatto insieme all'assessore Stefania Iacomi, con tutte le aziende agricole, le associazioni e i cittadini del nostro territorio. Nato dall'esperienza del gruppo di lavoro di Cittadini per Fiesole 'Consumo consapevole e mangiar sano' il lavoro ha via via coinvolto il territorio che ha reagito da subito con grande attenzione a tutto ciò che è biologico, naturale e rispettoso per l'ambiente". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie