Espianto organi paziente ospedale Terni

Il primo compiuto dopo l'inizio dell'emergenza Covid

(ANSA) - TERNI, 29 MAG - Primo espianto di organi nell'era Covid all'ospedale di Terni: è stato eseguito su una donna di 56 anni, ricoverata in condizioni gravissime nel reparto di Rianimazione, dando nuove speranze ad alcuni malati in attesa di reni, fegato e cornee.
    Dopo l'accertamento della morte cerebrale, gli organi sono stati espiantati da una equipe proveniente da Ancona e dai chirurghi oculisti del Santa Maria. Si tratta - spiega una nota dell'Azienda ospedaliera - del primo prelievo di organi del 2020 per l'ospedale di Terni e dunque dall'inizio della pandemia.
    "A nome della direzione e della comunità - commenta la responsabile della struttura di Anestesia e rianimazione, Rita Commissari - ringrazio i familiari della signora, che hanno manifestato da subito la volontà alla donazione degli organi. Se è vero che in Italia la pandemia da coronavirus ha in qualche misura frenato le donazioni e i trapianti di organi, sarà altrettanto vero che la sensibilità e il senso di solidarietà che questa emergenza ha sollecitato tra i cittadini - conclude - potranno far crescere anche il consenso al prelievo per le donazioni". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie