L’antica Spezieria

Napoli - Visita guidata


Visita con il direttore della Certosa, Rita Pastorelli, nella Spezieria della Certosa dove rivive il fascino della famosa Farmacopea dei Monaci che realizzavano un’attenta classificazione delle erbe medicinali, coltivate nel giardino dei semplici (dal latino “Simplicia,” ossia erbe e spezie alla stato grezzo, non lavorato o composto) per sottoporle a vari processi, da quelli di tradizione più antica: pulitura, macerazione, spremitura, essiccazione, decozione, a quelli più complessi, con tecniche estrattive della medicina araba: la distillazione e la porfirizzazione (polverizzazione), fino alla produzione di miracolosi Elixir Vitae, dalle ricette segretissime. Ultimo e delicatissimo atto della lavorazione era la buona conservazione dei medicamenti, nel armarium pigmentariorum (l’armadio dove venivano gelosamente custoditi sottochiave i vari principi medicinali, compresi i veleni), i preparati venivano collocati in appositi contenitori: albarelli, anfore e idrie, gli esemplari più prestigiosi, provenienti dalla spezieria della Certosa e da altre farmacie conventuali del Regno.A partire dall’Alto Medio Evo, l’attività di “Speziali” non era riservata soltanto ai bisogni interni della comunità conventuale ma allargata a un pubblico esterno, fu considerata ai limiti della legalità, controllata e disciplinata da Leggi, Decreti e Bolle Papali. Appellandosi, invece, al carattere caritatevole ed assistenziale, proprio di molte Regole monastiche, le “spezierie” conventuali rappresentarono, nel corso dei secoli, il più alto riferimento della scienza medica e farmacologica. L’attività di cure mediche e di ricerca fu abbandonata nel 1800, con la prima soppressione della Certosa, una attività che veniva svolta a servizio degli ‘infermi’ del monastero come imponeva la Regola e anche aperta all’esterno.Nella Spezieria si può ammirare anche l’affresco di Paolo De Matteis, eseguito nel 1699, raffigurante San Bruno che intercede presso la Vergine per l’umanità inferma.


largo San Martino, 5, Napoli

+39.0812294502

accoglienza.sanmartino@beniculturali.it

Modifica consenso Cookie