Recovery: Cancelleri, una buona fetta andrà a sistema idrico

Sottosegretario Trasporti, sui 50 miliardi per il Ministero

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 31 MAR - "Il ministero delle Infrastrutture avrà a disposizione poco meno di 50 miliardi del Recovery Plan.

Molti li abbiamo messi in infrastrutture di sostenibilità: non ci sono opere stradali, ma solo ferroviarie (elettrificazione, efficientamento energetico delle linee). Ma una buona fetta deve essere investita sulle infrastrutture degli acquedotti, degli invasi, delle dighe. Non abbiamo ancora deciso quale sarà la fetta all'interno di questi 50 miliardi, ma certo che non sarà una misura secondaria". Lo ha detto stamani il sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri (M5S), intervenendo a un convegno sull'acqua del gruppo M5S della Camera.

Oltre al Recovery Plan, Cancelleri ha ricordato che per il sistema idrico sono stati stanziati nel 2018 250 milioni per una trentina di interventi, 29 dei quali sono a buon punto: "Entro il 2022 vogliamo completare gli impegni", ha dichiarato. Poi, c'è 1 miliardo di euro stanziati nel 2019 dal governo dell'epoca per il piano degli invasi, da spendere in 10 anni. "Nel prossimo Dpcm - ha spiegato Cancelleri - saranno nominati 30 commissari per 59 grandi opere, per sbloccare 66 miliardi di euro di opere pubbliche. Ci sono ferrovie, ci sono strade, ma ci sono anche invasi e dighe". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie