Dacia, nuova rivoluzione passa da logo e emblema

Tutto punta a semplicità e rimanda a natura e grandi spazi

Redazione ANSA MILANO

Una nuova 'rivoluzione' per Dacia, che questa volta punta sulla nuova identità visuale. Il marchio può infatti ora contare su un nuovo logo e un nuovo emblema, pensati per essere simboli di semplicità ma anche di solidità, completati poi da una nuova palette colori che rimanda alla natura e ai grandi spazi. A guidare il cambiamento, alcuni capisaldi del brand, come quello del dover riprendere contatto con la natura e condividere i piaceri semplici. Il progetto, Dacia lo aveva già annunciato a inizio 2021 con la presentazione del suo piano strategico e l'annuncio si è concretizza oggi con l’evoluzione dell immagine riassunta in un nuovo logo, un nuovo emblema e nuove tinte.

Emblema e logo sono stati rivisitati dal team design interno, con la volontà di esprimere l’essenzialità di Dacia. "Il nostro obiettivo - hanno fatto sapere dal team di designer - nella ricerca creativa era quello di far evolvere l’universo della marca concentrandoci su ciò che la caratterizza: robustezza, semplicità e volontà di andare all’essenziale". Il logo è caratterizzato dal design delle lettere volutamente minimalista. La D e la A si alleggeriscono perdendo la barra e conservando solo ciò che è essenziale per riconoscere le lettere. La C, invece, si rispecchia nella D, rappresentando la volontà di sviluppare un linguaggio geometrico. L’impronta geometrica del logo imprime poi al concatenarsi delle lettere un movimento di ispirazione meccanica.

L'emblema, rappresenta l’incontro della D e della C, come due componenti che si connettono e si assemblano per costituire l’anello di una catena, simbolo di solidarietà e di forte legame. L’emblema, che è un potente elemento grafico, permetterà poi di riconoscere facilmente il marchio Dacia anche da lontano. Tutto il mondo grafico è volutamente minimalista, per ricordare che Dacia è una marca che si concentra sull’essenziale, elemento sul quale punta a far concentrare la freccia generata dalla D del logo.

La nuova palette colori sfuma invece sul verde kaki e punta invece a ricordare la prossimità della natura, punto di riferimento importante per i clienti Dacia e terreno su cui molti dei suoi veicoli sfruttano appieno le loro capacità, a cominciare da Duster. "Abbiamo voluto avvicinare la marca al suo terreno preferito - hanno commentato sempre i designer - e siamo quindi andati alla ricerca di colori che ricordino la natura e la vita all’aria aperta". La gamma è completata da tinte secondarie come kaki scuro, terracotta e sabbia, come anche l’arancione brillante e il verde acido per un tocco più tecnico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie