Bmw 330e Touring XDrive, svelati i segreti per guidare green

Soluzioni high tech e unità ibrida plug-in che resta sportiva

Andrea Silvuni MILANO

Altro che l'ammiraglia 750iL de 'Il domani non muore mai" uscito nel 1997 o l'esclusiva roadster Z8 usata ne 'Il mondo non basta' nel 1999. Oggi un agente 007 - correttamente impegnato a combattere il pericolo numero uno al mondo, l'inquinamento - potrebbe trovare la sua auto perfetta nella nuova Bmw 330e Touring, una ibrida plug-in che unisce i vantaggi di un motore TwinPower Turbo di cilindrata contenuta (4 cilindri 2.0 da 184 Cv) con quelli di una sezione elettrica da 113 Cv integrata nel cambio Steptronic a 8 rapporti.
    Questo modello, che è stato presentato dalla Casa di Monaco nella scorsa estate, 'nasconde' infatti sotto una carrozzeria tradizionale e in perfetto stile Bmw una serie di tecnologie e di soluzioni elettroniche capaci di far impallidire anche gli specialisti del Settore Q dell'M16 reso celebre dai film di James Bond per le elaborazioni delle auto degli agenti segreti.


    Va subito detto che, nonostante la presenza della elettrificazione PHEV, Bmw 330e Touring unisce piacere di guida, funzionalità e rispetto dell'ambiente con modalità che sono particolarmente apprezzabili in una wagon perfetta per il lavoro e la famiglia. Come abbiamo avuto modo di verificare in un completo test, su varie tipologie di strade e in differenti condizioni climatiche e di traffico, la soluzione del TwinPower Turbo benzina ibrido plug-in offre esattamente lo stesso livello di confort interno e di capacità di carico rispetto alle varianti' convenzionali'. Solo il volume del bagagliaio viene leggermente modificato (410 litri) a causa della disposizione della batteria ad alta tensione sotto il sedile posteriore ma ripiegando lo schienale posteriore la capacità può arrivare a 1.420 litri.
    Ma torniamo ai 'segreti' della più tecnologica delle Serie 3 Touring che - come risulta dai dati ufficiali - dispone di una potenza di sistema pari a 252 Cv e di 420 Nm di coppia massima.
    Una delle particolarità del propulsore, che serve ad esaltare il carattere sportivo tipico delle Bmw senza per questo compromettere gli aspetti green è il sistema XtraBoost che si può utilizzare ponendo in Sport il selettore per le modalità di guida ed è disponibile anche durante le manovre di kickdown e dopo aver spostato il selettore marce in posizione M/S.
    l'XtraBoost aumenta la potenza del sistema di 40 Cv per alcuni secondi raggiungendo così i 292 Cv. Le caratteristiche sportive generali della 330e Touring sono sottolineate anche dal particolare 'suono' del sistema, da un funzionamento del pedale dell'acceleratore più diretto rispetto alle altre versioni e da uno specifico programma di passaggio dei rapporti nella trasmissione Steptronic a 8 velocità che include anche la scalata in fase di frenata.
    Non occorre essere James Bond per apprezzare anche i vantaggi dello specifico sistema di trazione integrale xDrive. Nella combinazione con il sistema PHEV la trasmissione della potenza a tutte e quattro le ruote avviene con grande efficienza e una superiore versatilità. La distribuzione della potenza generata dal 4 cilindri TwinPower Turbo e dall'unità elettrica tra le ruote anteriori e posteriori è completamente variabile e garantisce la massima trazione e stabilità di guida in tutte le condizioni stradali e meteorologiche. Un risultato che Bmw ha ottenuto collegando in rete il DSC (Dynamic Stability Control) e mettendolo a punto per funzionare perfettamente anche quando si cerca una sportiva 'estrema'.
    Al fronte opposto - ma la cosa non stupisce - la particolarità di 330e Touring di muoversi in modalità 100% elettrica per ben 55 chilometri, cosa che offre accesso (in alcuni Paesi anche automaticamente grazie alla connessione con le infrastrutture) alle ZTL aperte solo ai BEV. Una funzionalità questa che deriva, al pari delle prestazioni dell'unità elettrica, alle batterie agli ioni di litio di ultima generazione, progettate e prodotte dal Gruppo Bmw. Nel cado di questo modello hanno un contenuto energetico lordo di 12,0 kWh e una capacità di 34 Ah. Le batterie vengono ricaricate durante il viaggio mediante il recupero dell'energia in frenata oltre - trattandosi di un plug-in - con le normali prese domestiche utilizzando il cavo di ricarica standard. In questo caso l'80% della capacità si raggiunge in 4,2 ore e il 100% (ad esempio lasciando l'auto durante la sosta notturna) nel tempo di 5,7 ore. Con le Bmw i Wallbox queste operazioni di ricarica possono essere completate rispettivamente con 2,4 e 3,4 ore.
    Lo 007 di turno, ma anche il normale automobilista, possono apprezzare nella guida quotidiana la capacità di scattare da 0 a 100 in soli 5,9 secondi - caratteristica molto utile per completare rapidamente i sorpassi - e di filare, in assenza di limiti, fino a 230 km. Ma l'high tech Bmw stupisce anche sul fronte dei consumi e delle emissioni. Grazie ad un lungo elenco di sofisticate soluzioni, come l'Auto Start Stop, l'Optimum Shift Indicator, la funzione Coasting (veleggio a motore spento) nelle modalità Eco Pro e Comfort e il Proactive Driving Assistant che sfrutta i dati in tempo reale della navigazione, 330e Touring vanta un consumo WLTP compreso fra 1,9 e 1,4 litri per 100 km ed emissioni di CO2 (per la sola parte termica) pari a 42 - 31 g/km. Il tutto con un listino che spazia da 59.500 euro per l'allestimento d'ingresso ai 67.900 della versione MSport oggetto del nostro test. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie