Riemergere all'Eur a Roma, da Patti Smith a Bill Viola

Fino al 29 giugno 600 artisti tra Nuvola e Palazzo Congressi

di Cinzia Conti ROMA

ROMA - Il mito Patti Smith, le potenti video installazioni di Bill Viola, la musica multietnica dell'Orchestra di Piazza Vittorio. Ma anche Luca Zingaretti che legge Andrea Camilleri, Federico Rampini che parla di economia attraverso i Beatles, Emma Bonino voce recitante per un film di Werner Herzog. E ancora il regista Romeo Castellucci, la scultrice Janet Echelman e l'artista, illustratore e animatore Gianluigi Toccafondo. Sono soltanto la punta dell'iceberg degli oltre 100 eventi con 600 artisti e personalità della mondo della cultura in 10 mesi di eventi (dal 15 settembre al 29 giugno) che animeranno la prima edizione di Riemergere, ideato da Eur Culture per Roma e realizzato da Eur Spa con la direzione artistica di Oscar Pizzo tra la Nuvola di Massimiliano Fuksas, il Palazzo dei Congressi e l'intero quartiere.

Concerti, festival di cinema, videoarte e fotografia, fiere dell'editoria e dell'arte contemporanea, messe musicali e lunghe notti sonore fra jazz, gospel, taranta, indie e trap; appuntamenti orchestrali, mostre d'arte e incontri con i rappresentanti del mondo del giornalismo e della cultura, omaggi a grandi scrittori e a icone pop, eventi speciali e progetti riservati ai più piccoli. Su www.eurspa.it/ e su www.facebook.com/eurspa e www.instagram.com/eurspa/ il programma dettagliato. E proprio Fuksas, presente alla conferenza stampa di presentazione, dice: "Finalmente vedo qualcosa che ho sognato, anzi che in molti abbiamo sognato. C'è voluto un po' di tempo (non tanto di cantiere quanto di organizzazione di quest'opera). Il sogno che abbiamo è fare luoghi pubblici, l'architettura è l'arte della pace. Il sogno mio e di mia moglie Doriana era di dare un luogo importante alla città e lo abbiamo visto quando il presidente della Repubblica è venuto a vedere come funzionava lo spazio vaccinale dentro La Nuvola. E effettivamente funziona, anche perché ovunque in questi 10 mila metri quadrati penetra la luce e da varie parti si vedono i pini, è un interno-esterno. Questi mesi durissimi e drammatici - conclude - ci hanno fatto fare un salto di 20 anni e credo che il vostro programma valga per i prossimi 20 anni".

"Avere dato centralità al tema della cultura e di una cultura viva e contemporanea - spiega Francesco Rutelli, presidente dell'Anica e ideatore Videocittà - è un merito estremamente importante. Dentro questo programma c'è anche la nuova edizione di Videocittà che inizia domani e che ha già usato i palazzi dell'Eur per fare dei meravigliosi video-mapping". "L'obiettivo sarà di passare da Eur oggetto a Eur soggetto di cultura, sia nel rapporto sinergico con le istituzioni culturali romane e nazionali che, ancor più importante, nell'immaginario cittadino, modificando il senso comune verso un quartiere percepito come luogo elitario e lontano" spiega il direttore artistico Oscar Pizzo. "Abbiamo voluto aprire La Nuvola alla città. Il centro vaccinale ha dimostrato la forza e la suggestione di questo luogo magico. La nostra ambizione è rendere questa straordinaria opera architettonica un luogo per tutti e fruibile ogni giorno dell'anno. La pandemia ci lascia in eredità una sfida per il futuro della città: gli spazi, se ben utilizzati, ci aiuteranno a costruire luoghi familiari. I beni comuni, in particolare per le future generazioni, rappresenteranno il valore aggiunto per una città più semplice da vivere, con più colori, emozioni e sicurezza" aggiunge l'amministratore delegato di Eur Spa Antonio Rosati, mentre il presidente di Eur Spa Alberto Sasso conclude: "Abbiamo ritenuto che La Nuvola, capace di grande attrattività internazionale, debba finalmente aprirsi alla città di Roma, coniugando alla sua fondamentale funzione congressuale una straordinaria offerta culturale di livello nazionale e internazionale. Eur Culture per Roma è una sfida unica nel suo genere".

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie