Expo Dubai 2020

  1. ANSA.it
  2. Expo Dubai 2020
  3. News
  4. A Expo Dubai, le buone pratiche delle cooperative italiane

A Expo Dubai, le buone pratiche delle cooperative italiane

Il 16/01 forum su sostenibilità agricoltura, zootecnia e pesca

Redazione ANSA DUBAI

(ANSA) - DUBAI, 15 GEN - Le buone pratiche delle cooperative saranno il tema di "Agricoltura, allevamento e pesca sostenibili: le migliori pratiche innovative e digitali della cooperazione italiana ed europea - Agricoltori, Allevatori e Pescatori connessi con il futuro sostenibile", evento che si terrà domani 16 gennaio a Expo 2020 Dubai, organizzato da Legacoop Agroalimentare e Legacoop Emilia Romagna con il supporto di Coopfond nello spazio della Regione Emilia Romagna presso il Padiglione Italia. Con inizio alle 8.30 ora italiana (11.30 negli Emirati Arabi Uniti), l'iniziativa vuole illustrare alcune tra le migliori buone pratiche, e per farlo saranno direttamente le cooperative a raccontare la propria esperienza: Il Raccolto, Progeo, Apofruit, Granlatte-Granarolo e Coop Italia.
    A moderare i lavori sarà Lorenzo Sazzini di Legacoop Agroalimentare e dopo i saluti di Gianmaria Balducci, vice-presidente Vicario Legacoop Emilia-Romagna e quelli istituzionali della Regione Emilia-Romagna con Ruben Sacerdoti, responsabile Servizio Attrattività e Internazionalizzazione seguiranno i saluti istituzionali di Antonio Parenti, Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.
    Seguiranno quindi gli interventi dei partecipanti: Ramon Armengol, presidente Cogeca (L'impegno delle cooperative agricole nella diffusione dell'innovazione per un'agricoltura sostenibile), Eros Gualandi della Cooperativa Il Raccolto (Agricoltura di precisione nelle grandi colture: risultati per la difesa del suolo, le agroenergie e la tracciabilità dei prodotti Dop e Igp).
    Poi Yazen Al Kodmani, Operations Manager & Partner Emirates Bio Farm (L'uomo che ha reso green il deserto: una breve storia dell'agricoltura negli Emirati Arabi Uniti) e Fausto Toni, Progeo (Le buone pratiche di zootecnia di precisione per allevamenti più sostenibili), Alberto Grassi, Apofruit (Agricoltura di precisione in frutticoltura: le buone pratiche di Apofruit), Massimo Bellavista, Legacoop Agroalimentare (Buone pratiche di pesca e acquacoltura sostenibili e di economia circolare nel settore ittico).
    La parola passerà a Mohammad Tabish, Ceo Aqua Bridge (Sviluppo di un'acquacoltura sostenibile e responsabile negli Emirati Arabi Uniti e nel GCC e il ruolo di Aqua Bridge nel raggiungerlo), cui seguirà Valda Rondelli, Università di Bologna (Lo stato dell'arte nella meccanica agraria a sostegno delle tecniche di precisione), Simona Caselli, presidente Areflh (Il ruolo delle Reti Europee nella diffusione dell'innovazione: l'esperienza di Areflh con il settore ortofrutticolo europeo), Giampiero Calzolari, presidente cooperativa Granlatte e Granarolo (La sostenibilità nella filiera: l'impegno e le buone pratiche del gruppo Granlatte-Granarolo) e Marco Pedroni, presidente Coop Italia (Il prezzo della non sostenibilità nella grande distribuzione). La conclusione è affidata a Cristian Maretti, presidente Legacoop Agroalimentare. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: