Lazio
  1. ANSA.it
  2. Lazio
  3. Giuseppe Gibboni, il mio debutto imprevisto a Santa Cecilia

Giuseppe Gibboni, il mio debutto imprevisto a Santa Cecilia

Violinista vincitore del Premio Paganini diretto da Viotti

(ANSA) - ROMA, 03 NOV - ''E' successo tutto all'improvviso.
    Ho ricevuto questa telefonata e non ho potuto far altro che accettare. E' un grandissimo piacere e un onore per me. Sono concento che tutto ciò stia accadendo a poco più di una settimana dalla vittoria del Premio Paganini''. Parla con apparente tranquillità Giuseppe Gibboni, violinista ventenne neo vincitore del prestigioso riconoscimento, che si vede catapultato sul palcoscenico di Santa Cecilia per un debutto inaspettato, giovedì 4 novembre, nel concerto per violino e orchestra di Caikovskij diretto da Lorenzo Viotti, anche lui per la prima volta sul podio dell'Accademia Nazionale (Auditorium Parco della Musica, repliche venerdì 5 alle 20.30 e sabato 6 alle 18). Un battesimo di fuoco imprevisto determinato dal forfait per malattia della collega tedesca Veronika Eberle.
    ''Era la mia prima settimana libera dopo il concorso, tanto che ieri quando mi hanno chiamato non avevo il violino con me - dice all' ANSA -. Fortunatamente, nonostante non abbia toccato il violino per sette giorni, le mie mani funzionano ancora.
    Stamattina abbiamo provato e sembra che sia andato tutto bene.
    Non posso che ringraziare Santa Cecilia per la fiducia''. Per il giovane musicista di Campagna (Salerno) si apre, dunque, il sipario della grande scena musicale grazie al Premio Paganini che con lui ha visto vincitore un italiano 24 anni dopo Giovanni Angeleri. In precedenza solo altri due se lo erano aggiudicato, Massimo Quarta nel 1991 e Salvatore Accardo nel 1958. ''Credo questa mia vittoria sia importante - commenta - non solo per me ma per la scuola violinistica italiana. E' un premio storico e il suo albo d'oro merita di avere qualche violinista italiano in più. Sono davvero onorato, per me è una grandissima responsabilità anche perché il primo italiano a vincerlo, Salvatore Accardo, è stato il mio maestro. E' un cerchio che si chiude''.
    E ora, che cosa c'è all'orizzonte? ''Mi riposero un po' perché sono state settimane molto intense - dice - ma tra i prossimi impegni ci sono molti concerti in Italia, l'Arena di Verona, i pomeriggi musicali di Milano, in duo con la chitarrista Carlotta Dalia faremo un programma dedicato a Paganini proprio a Genova''. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Muoversi a Roma



        Modifica consenso Cookie