Lazio
  1. ANSA.it
  2. Lazio
  3. Tosca, torno in tour con la nostalgia del presente

Tosca, torno in tour con la nostalgia del presente

Al via Morabeza in teatro, "con nuova consapevolezza post covid"

(ANSA) - ROMA, 04 NOV - L'attesa è durata quasi due anni, ma ora Morabeza è pronto per il suo viaggio. Morabeza, il disco che Tosca ha pubblicato nel 2019 (e riedito l'anno dopo con l'aggiunta del brano Ho amato tutto presentato al Festival di Sanremo) conquistando due Targhe Tenco. Morabeza, come la parola capoverdiana che indica la nostalgia che si consuma nel presente, nel momento in cui si vive qualcosa di notevole, la presa di coscienza della bellezza di un presente che apparterrà presto al passato e la certezza della nostalgia che si accompagnerà al ricordo.
    "Nel riuscire a godere delle piccole cose - racconta Tosca all'ANSA - c'è l'essenza della morabeza, che è anche il senso dello spettacolo. La pandemia, in questo senso, mi ha insegnato molto, ci ha dato l'opportunità di occuparci di noi stessi e di non dare per scontato niente. Ora che torno sul palco non vedo l'ora di vivere tanti momenti di morabeza".
    Dopo la tappa di Napoli, l'artista è pronta a debuttare a Roma, il 5 novembre all'Auditorium Parco della Musica nella sua Roma, per poi portare il suo viaggio musicale - un ponte fra la radice italiana e le musiche d'altrove, in particolare francese, brasiliana, portoghese e tunisina - in giro per l'Italia e per il mondo, arrivando a toccare Dubai, Sharjah, Brasile (in concomitanza dell'uscita del disco sul mercato brasiliano), Uruguay, Paraguay, Perù, Stati Uniti. "In questi due anni il progetto iniziale è cambiato, si è adattato, si è evoluto. E nel live, dunque, non ci saranno solo i brani del disco, ma tanto altro. E per ogni tappa cercherò di fare un regalo ad hoc per il pubblico. Credo che questo tour diventerà anche un disco live".
    Che non ha dubbi, non si farà fermare dai timori legati al covid. "Sento che c'è voglia di musica, di live. Forse - e parlo anche da donna di teatro - la prosa può risentirne, ma più per una specificità che si è un po' persa. Per il teatro va ridata un'educazione. Ma chi viene a vederti è comunque un eroe: vorrei stringere la mano a ognuno degli spettatori dei miei spettacoli". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Muoversi a Roma



      Modifica consenso Cookie