Lazio
  1. ANSA.it
  2. Lazio
  3. Piero Raspi, protagonista dell'informale

Piero Raspi, protagonista dell'informale

A Roma antologica dell'artista al museo di Villa Torlonia

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Un percorso artistico di oltre sessant'anni che non si è ancora fermato, un'attività creativa che ha attraversato momenti felici e una lunga pausa per ripartire cercando strade espressive nuove. Su tutto, però, a spiccare sono gli esordi, la fase informale con cui si affermò dalla metà degli anni Cinquanta fino all'avvento della Pop Art.
    Riunisce opere che abbracciano mezzo secolo, dal 1955 al 2005, l'antologica ''Dalla lune al colore'', a cura di Marco Tonelli, dedicata fino al 9 gennaio a Piero Raspi nel Casino dei Principi dei Musei di Villa Torlonia, a Roma. Una cinquantina di dipinti, insieme ad alcune opere dei pittori che con lui fecero parte del gruppo conosciuto come I sei di Spoleto, raccontano la ricerca condotta dal maestro che oggi, alla bella età di 95 anni, continua a dedicarsi all'arte. Raspi, classe 1926, si legò nel 1957 alla galleria romana l'Attico di Bruno Sargentini, che gli assicurò visibilità e rilievo. "Le opere in mostra non sono più state esposte - spiega la figlia Raffaella -. Furono viste nella Galleria in mostre tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio dei Sessanta, ma chiuso quel periodo non sono più uscite e sono rimaste nel deposito del collezionista come gran parte delle altre''.
    Piero Raspi ebbe due artisti umbri come punti di riferimento, lo scultore Leoncillo Leonardi, spoletino anche lui, e Alberto Burri, maestro dell'astrattismo di Città di Castello. Negli anni Sessanta anche Raspi cominciò a usare per le sue tele polvere di zinco impastata con l'olio di lino ed elementi esterni, come i segni di bruciature prodotte dalla fiamma. Con queste nuove opere partecipò alle Quadriennali dell'epoca e a una Biennale di Venezia. Si dedicò poi al collage, con l'inserimento nelle tele di cartone, spago, pezzi di legni, stracci.
    Il suo periodo di maggior vivacità e vitalità si arrestò nel 1967, quando con la famiglia si trasferì per un periodo negli Stati Uniti, in Pennsylvania . "Con l'arrivo della Pop Art - dice Raffaella - lui e altri artisti ebbero un crollo emozionale molto forte. Pochi continuano a dipingere, molti abbandonano totalmente la scena. Anche mio padre smise". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Muoversi a Roma



      Modifica consenso Cookie