Liguria
  1. ANSA.it
  2. Liguria
  3. Inchieste autostrade: pm,non furono chiuse le gallerie a rischio

Inchieste autostrade: pm,non furono chiuse le gallerie a rischio

Le accuse a ex direttore tronco Nanni. Messa a rischio sicurezza

 Prima del crollo nella galleria Bertè in A26 (Genova-Gravellona Toce) dalla cui volta a dicembre 2019 si staccarono due tonnellate di cemento, la Commissione permanente delle Galliera aveva imposto da Aspi la chiusura dei tunnel a rischio. Disposizione disattesa fino al 2020. Non solo.
    Non vennero fatte opere di mantenimento della funzionalità delle gallerie e non vennero eseguite le ispezioni. Per questo l'ex direttore del primo tronco Mirko Nanni è indagato per omissione d'atti d'ufficio, attentato alla sicurezza dei trasporti, inadempimento di contratto di pubbliche forniture. Le accuse sono contenute nell'avviso di fissazione di udienza stralcio per la selezione delle intercettazioni nell'ambito dell'inchiesta sulle barriere antirumore pericolose, sui falsi report sui viadotti e sulle mancate ispezioni alle gallerie. I tre procedimenti, riunificati dai pm Walter Cotugno e Stefano Puppo, vedono indagate 56 persone, tra le quali oltre a Nanni l'ex amministratore delegato di Aspi Giovanni Castellucci, Michele Donferri Mitelli, ex responsabile delle manutenzioni di Aspi, Paolo Berti, ex direttore delle operazioni centrali, Antonino Galatà, ex ad di Spea, la società che si occupava delle manutenzioni. Ci sono poi tecnici e dirigenti delle sue società.
    L'udienza è fissata per il 20 ottobre. 

Inchieste autostrade:pm,ex manager Aspi tentarono truffare Stato 
Gli ex manager di Autostrade provarono a truffare lo Stato, dopo averlo frodato, cercando di farsi rimborsare dal ministero delle Infrastrutture costi per migliorie in realtà mai realizzate. E' uno dei dettagli emerso nella fissazione di udienza stralcio per decidere quali intercettazioni usare nell'inchiesta per le barriere fonoassorbenti pericolose, i falsi report sui viadotti autostradali e le gallerie non a norma. Secondo i pm Walter Cotugno e Stefano Puppo i quattro comunicavano di avere realizzato interventi migliorativi delle barriere apposte sulla rete autostradale, interventi che in realtà non venivano realizzati. In questa maniera avrebbero indotto in errore personale del ministero delle Infrastrutture e Trasporti sul rimborso dei costi sostenuti per tali interventi, cosi da procurarsi un ingiusto profitto con pari danno per lo Stato. Dopo il crollo del ponte Morandi (14 agosto 2018, 43 vittime) era nata una costola sui falsi report sui viadotti di quasi tutta la rete autostradale. Secondo gli investigatori della guardia di finanza, i tecnici di Spea ammorbidivano i rapporti sullo stato dei ponti per evitare i lavori. Era stato scoperto, inoltre, che le barriere fonoassorbenti montate su alcuni tratti autostradali erano difettose e si erano staccate causando problemi agli automobilisti. Uno degli indagati aveva anche detto al telefono che erano "attaccate con il Vinavil". Il 30 dicembre 2019 era invece crollata una parte della volta della galleria Bertè, in A26. Si erano staccate quasi due tonnellate di cemento che per fortuna non avevano colpito nessuna auto. Anche in questo caso la procura aveva scoperto che i controlli non venivano fatti in maniera adeguate.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      MyWay Autostrade per l'Italia

      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere


      Modifica consenso Cookie