Oltretevere

Mons. Marcianò a Gdf, promuovete economia della misericordia

Messa con le Fiamme Gialle per la Festa di San Matteo

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "Mi piace pensare che sia 'l'economia della misericordia' quella che voi promuovete: ovvero la logica della giustizia e del gratuito, della cura e della solidarietà fraterna. Del servizio al bene integrale dell'uomo, visto per quello che 'è', non per quello che 'ha'". Lo ha detto l'Ordinario militare, mons. Santo Marcianò, nell'omelia della Messa per la Festa di San Matteo, patrono della Guardia di Finanza, nella basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.
    Marcianò ha parlato dei "tanti maestri dell'imbroglio che oggi inquinano la società e si presentano come esempi scintillanti e appetibili, specie per le nuove generazioni. C'è da sradicare la mentalità del tornaconto individuale, della notorietà a tutti i costi, della ricchezza che permette e promette una vita comoda, disimpegnata, scevra da sacrifici e poggiata su quegli eccessi e lussi che, prima o poi, si rivelano contenitori vuoti, portatori di isolamento e disperazione.
    Ricchezze fatue e pericolose che, a partire da piccole disonestà, da compromessi privati, aprono alla logica dell'illegalità e approdano alle rive ancor più drammatiche della truffa, del commercio di morte, della violenza, della criminalità organizzata".
    "Voi, cari fratelli e sorelle della Guardia di Finanza, avete di questo piena consapevolezza. Il mondo in cui viviamo non è ideale; il mare che, ogni giorno, siamo chiamati ad attraversare, non è privo di contraddizioni, tentazioni, abissi nei quali la mano dell'uomo è intervenuta con potenza distruttiva", ha sottolineato concludendo: "E' prezioso il servizio di chi, attraverso la promozione di un'economia solidale, di una finanza giusta e di una giustizia fraterna, può contribuire a restituire legalità e a contagiare con la logica della trasparenza anche l'intero mondo delle Istituzioni".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie