Oltretevere

Cei: 12 novembre maratona radio-tv 'Insieme per gli ultimi'

Iniziativa sui media dei vescovi con Caritas e Focsiv

(ANSA) - ROMA, 02 NOV - "La pandemia non è finita, la povertà è aumentata. Una povertà economica, sociale, sanitaria, educativa, che colpisce in maniera più pesante le donne, i bambini, gli anziani i disabili e le popolazioni più fragili".
    Parte da questa premessa la Maratona televisiva e radiofonica "Insieme per gli ultimi" di Tv2000 e Radio inBlu2000 condivisa con Caritas Italiana e Focsiv che mette al centro proprio la povertà e le sue conseguenze. L'emittente televisiva e quella radiofonica della Cei dedicano a questa iniziativa l'intera giornata di venerdì 12 novembre, a due giorni dalla Giornata Mondiale dei poveri voluta da Papa Francesco, per sensibilizzare e raccogliere fondi a favore dei 64 interventi in 45 Paesi di 4 continenti, a sostegno di 213.569 beneficiari diretti.
    "Vogliamo essere un megafono aperto sul mondo e coinvolgere il pubblico in un'importante iniziativa a sostegno di chi ha più bisogno - sottolinea Vincenzo Morgante, Direttore di Tv2000 e InBlu2000 - convinti che, anche attraverso iniziative come questa, possiamo metterci al servizio di una Chiesa che vuole costruire ponti e offrire risposte".
    "È tempo - gli fa eco don Francesco Soddu, Direttore di Caritas Italiana - di unire gli sforzi per una progettualità creativa, che ha bisogno del contributo di ognuno di noi per dar vita, come ci indica il Santo Padre nel Messaggio per la Giornata Mondiale dei Poveri, a processi di sviluppo in cui si valorizzino le capacità di tutti, ben sapendo che ci sono molte povertà dei 'ricchi' che potrebbero essere curate dalla ricchezza dei 'poveri'".
    "La 'narrazione' delle povertà, se da un lato ci spinge a sostenere e a raccontare cosa e come siano impegnati i nostri Organismi associati a rispondere alle crescenti necessità in tante parti del mondo - sottolinea Ivana Borsotto, Presidente Focsiv - dall'altro come Federazione, insieme ad Aoi, Cini e Link 2007, chiediamo alla politica un maggiore impegno, così come stabilito nel lontano 1970, nel destinare lo 0,70% del Pil alla cooperazione internazionale. Una risposta concreta alle povertà crescenti". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie