Piemonte
  1. ANSA.it
  2. Piemonte
  3. Vino: con rincari +10% listini, ma aumento finale al 20-30%

Vino: con rincari +10% listini, ma aumento finale al 20-30%

Indagine di 'The wine net', rete tra 7 importanti cooperative

(ANSA) - TORINO, 08 FEB - Anche il mondo del vino deve fare i conti con il 'muro' dell'aumento dei prezzi di materie prime (dall'uva a vetro, cartoni, plastica, tappi) ed energia. Le aziende vinicole sono costrette a ritoccare i prezzi - nella media del 10% - e il consumatore finale, cliente di enoteche e ristoranti o della Gdo, si troverà probabilmente nei prossimi mesi a dovere pagare le bottiglie fino al 20-30% in più.
    La situazione è stata analizzata da 'The Wine Net', rete tra 7 delle più importanti cooperative italiane: Valpolicella Negrar (Veneto), Pertinace (Piemonte), Frentana (Abruzzo), Vignaioli Scansano (Toscana), CVA Canicattì (Sicilia), La Guardiense (Campania), Colli del Soligo (Veneto).
    La reazione del mercato ai nuovi listini proposti è stata diversificata Mentre nel canale Horeca gli operatori li hanno accettati, la grande distribuzione oppone maggiori resistenze anche se non mancano insegne che hanno compreso senza difficoltà la situazione. Altre però - ha fatto notare 'The wine net' - stanno già "facendo campagne pubblicitarie rivolte al consumatore per rassicurarlo sull'assenza di aumenti, facendo ricadere il mancato profitto solo sulle cantine. La soluzione corretta dovrebbe essere la trasparenza verso il cliente finale, all'insegna di una 'economia etica' che ripartisca i disagi su tutti gli attori, non solo su una categoria, consapevoli che solo stando assieme si può vincere".
    Gli importatori per l'estero in gran parte hanno accettato di ripartire in modo equo un rincaro previsto del 15-18%, con un 8% sostenuto dalla cantina con il mancato guadagno, un 5% di aumento dei listini e un 5% di assorbimento da parte dell'importatore.
    Cesare Barbero, direttore della Cantina Pertinace, di Treiso (Cuneo), ha spiegato il percorso della cooperativa langarola verso i nuovi listini: "La nostra idea era di non aumentare i prezzi, tenendo conto della situazione Covid, e siamo riusciti a rispettare l'intento, ma mese dopo mese l'aumento delle materie prime e dei costi energetici ci ha costretto a cedere: da febbraio-marzo praticheremo un aumento del 10% per il mercato italiano, del 5-7% per quelli esteri". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere


      Modifica consenso Cookie