Sardegna: spintoni e urla, bagarre in Consiglio regionale

Giornata di tensioni, in Aula c'è legge su staff Giunta

Urla, spintoni e insulti hanno chiuso una giornata di grandi tensioni nel Consiglio regionale della Sardegna dove si sta discutendo il disegno di legge che riorganizza la presidenza della Regione e gli assessorati. Un provvedimento fortemente divisivo soprannominato "legge poltronificio" dalle opposizioni. Oggi, alla trentesima seduta dedicata, l'Aula ha approvato gli articoli 5 e 6. Il caos è scoppiato quando - prima di aggiornare la seduta a domani alle 10 - il presidente del Consiglio regionale Michele Pais ha elencato, uno per uno, le decine di emendamenti all'articolo 7 (quello che ridisegna la composizione degli staff) sui quali ha chiesto il parere al relatore di maggioranza Stefano Tunis (Sardegna 20Venti).

Nel frattempo, presente anche il governatore Christian Solinas, le forze di minoranza occupavano l'Aula e urlavano "vergogna", "buffone". Poi è stato il relatore a ripetere tutte le proposte di modifica con relativo parere. A quel punto Pais ha chiesto il parere alla Giunta e ha aggiornato i lavori. Ma non è finita qui. La bagarre si è trasferita nelle scale del palazzo. Le testimonianze raccontano di un assessore che avrebbe dato uno spintone a un capogruppo e a una consigliera dell'opposizione.

   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie