Cultura

Moda: Yezael, i veri squali siamo noi

Cruciani, 'ci evolviamo o vogliamo che tutto torni come prima?'

(ANSA) - MILANO, 24 SET - Si torna al mare, il covid è passato, tutto sembra perfetto ma la natura si è riappropriata talmente tanto del pianeta che le acque sono infestate di squali e a questo punto nasce la domanda: 'chi è la preda e chi il predatore?'. Non senza ironia, Angelo Cruciani, direttore creativo di Yezael, racconta così la collezione per la prossima estate, presentata oggi a Milano, dove tutto sembra sbranato da uno squalo. Ma i veri squali - dice Angelo, già protagonista del talent 'Next in fashion' di Netflix - "siamo noi umani, voraci e bramosi. Il mio è un invito alla consapevolezza, un mettere il dito nella piaga per dire 'curiamoci' e chiedere: 'vogliamo evolverci o vogliamo davvero che tutto torni come prima?'.
    Così i capi in denim, pantaloni, giubbini e gonne, sembrano morsi da uno squalo, e hanno veli di tulle dove i pezzi mancanti sono stati ricuciti, come a dire che le cicatrici sono parte della bellezza dell'essere umano. Sui blazer azzurro mare sono applicazioni di coralli e vetri di murano a simulare l'impronta dello squalo, che torna come stampa sulle camicie in fibre naturali.
    Dopo Milano, il prossimo 20 ottobre la collezione - che si conclude con una serie di T-shirt e felpe con stampe di tramonti e la scritta benaugurante 'War is over' - sarà presentata con una sfilata voluta dal Governo cinese a Shanghai. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie