Mondo

Covid: Cina, in semi-lockdown città di Harbin dopo tre casi

Sono i primi contagi dal 4 febbraio scorso

(ANSA) - PECHINO, 22 SET - La città di Harbin, capoluogo da 10 milioni di abitanti della provincia nordorientale dello Heilongjiang, è stata semi-chiusa dopo aver segnalato per la prima volta dal 4 febbraio nuovi contagi di Covid-19 trasmessi localmente.
    Si tratta di tre casi sui 16 registrati complessivamente in Cina ieri, in base agli aggiornamenti quotidiani forniti dalla Commissione sanitaria nazionale.
    Il governo locale di Harbin ha detto ai suoi residenti di evitare di lasciare la città se non per ragioni essenziali, mentre locali pubblici come cinema e palestre sono stati chiusi.
    Ai siti turistici è stato disposta la limitazione di visitatori alla metà della capacità, ha riferito il network statale Cctv, secondo cui c'è stata la stretta di una settimana alle lezioni in presenza per asili, scuole primarie e superiori.
    Non è chiaro se i tre casi di Harbin siano collegati al focolaio di Fujian, l'ultimo fronte caldo in Cina. In quest'ultima provincia, le città di Xiamen e Putian hanno riportato 13 nuovi casi totali, ha riferito la Commissione sanitaria nazionale.
    La vicepremier Sun Chunlan ha affermato lunedì che i funzionari locali non dovrebbero essere troppo ottimisti sui progressi compiuti nel Fujian in presenza di incertezze e di una battaglia contro il virus in "stallo", ha riportato il Fujian Daily, secondo cui Sun ha chiesto più sforzi anti-pandemici.
    Putian, Xiamen, Quanzhou e Zhangzhou, le quattro città della provincia che hanno riportato contagi, hanno bloccato finora le aree a più alto rischio, decidendo tra l'altro il blocco di alcuni servizi di autobus a lunga percorrenza e delle lezioni scolastiche. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie