Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Clima: Bank of China non finanzierà nuovi progetti a carbone

Da 4/o trimestre. Credito dell'istituto sempre più 'verde'

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 01 OTT - La Bank of China (BoC) si è impegnata ad aumentare il sostegno al credito di progetti verdi nel periodo 2021-2025 e fra le altre cose, non finanzierà più nuovi progetti legati all'uso o alla produzione di carbone, né in Cina né all'estero.
    In base al piano d'azione ideato per favorire il raggiungimento del picco di carbonio della Cina e degli obiettivi di neutralità, in questo periodo la banca intende fornire almeno 1.000 miliardi di yuan (circa 154,2 miliardi di dollari) di fondi per il settore verde.
    Secondo il piano, la quota di prestiti verdi tra quelli aziendali nazionali complessivi della banca aumenterà di non meno di 5 punti percentuali dalla fine del 2020.
    Alla fine di giugno, la Bank of China ha visto i prestiti verdi nazionali non ancora rimborsati superare i 1.000 miliardi di yuan, segnando una crescita di oltre il 15% dall'inizio di quest'anno, a un ritmo molto più veloce della crescita media dei prestiti della banca.
    A partire dal quarto trimestre del 2021, la BoC non fornirà più finanziamenti a nuove miniere di carbone o progetti di energia a carbone all'estero, ad eccezione di quelli che sono già stati firmati.
    La Cina ha promesso di raggiungere il picco delle emissioni di anidride carbonica entro il 2030 e di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060. Il Paese recentemente si è anche impegnato a bloccare la costruzione di nuovi progetti a carbone all'estero. (ANSA-XINHUA).
   

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie