Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: Esercito di terracotta, nuove statue in metallo

Scoperte nella fossa numero 1, in oro argento e bronzo

(ANSA-XINHUA) - XI'AN, 24 GEN - Diverse ceramiche, oggetti in bronzo, nonché statue dalle fattezze umane e animali in oro, argento e bronzo, sono stati portati alla luce nella fossa numero 1 dell'iconico museo che ospita il celebre Esercito di terracotta nella provincia cinese nordoccidentale dello Shaanxi.
    L'Emperor Qinshihuang's Mausoleum Site Museum ha reso noto che i lavori di scavo nella fossa numero 1 e nelle cavità sepolcrali circostanti sono iniziati nel 2013.
    Nella fossa numero 1 vi sono tre fosse sepolcrali in cui sono presenti un cavallo e un carro e dove sono state trovate 15 campane, statue dalle fattezze umane in metallo impegnate in vivaci prodezze acrobatiche e altre raffiguranti animali. Tali reperti, secondo il museo, stanno a indicare lo status distinto e di alto rango del proprietario della tomba.
    Finora, gli archeologi hanno restaurato oggetti antichi tra cui cammelli d'oro e d'argento, statue danzanti in d'oro, un tripode in giada e un cane da caccia d'argento. Scoperto nel 1974, l'esercito di terracotta fu realizzato per volontà dell'imperatore Qinshihuang della dinastia Qin (221 a.C.-207 a.C.), il quale unificò la Cina per la prima volta.
    La fossa numero 1, la più grande cavità scavata finora, copre un'area di 14.260 metri quadrati. A giudicare dalla disposizione dell'armata, a seguito di uno scavo completo sarebbe possibile riportare alla luce più di 6.000 guerrieri e cavalli di terracotta. (ANSA-XINHUA).
   

        Responsabilità editoriale Xinhua.

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie