Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Bufera su Rula Jebreal, intervengono anche Conte e Calenda

Bufera su Rula Jebreal, intervengono anche Conte e Calenda

Meloni: "Le colpe dei padri non ricadano sui figli, per me non vale?". La giornalista: non sono intimidita dalle minacce

E' ancora polemica per il tweet della giornalista Rula Jebreal che ieri ha citato "i crimini commessi" dal padre di Giorgia Meloni, condannato per traffico di droga in Spagna (all'epoca il padre aveva già lasciato la famiglia).

Replica oggi Giorgia Meloni: "Il tatto della stampa italiana che racconta dei guai di mio padre, ma omette nei suoi titoli roboanti un elemento fondamentale. Tutti sanno che mio padre andò via quando avevo poco più di un anno. Tutti sanno che ho scelto di non vederlo più all'età di undici anni. Tutti sanno che non ho mai più avuto contatti con lui fino alla sua morte. Ma poco importa, se i 'buonisti' possono passare come un rullo compressore sulla vita del 'mostro'. Evidentemente tra le tante cose che non valgono per me c'è anche il detto 'le colpe dei padri non ricadano sui figli'. Ps. Signora Jebreal, spero che potrà spiegare al giudice quando e dove avrei fatto la dichiarazione che lei mi attribuisce", ha scritto su facebook la leader di FdI.

La giornalista ieri aveva scritto: "La Meloni non è colpevole dei crimini commessi da suo padre, ma spesso sfrutta i reati commessi da alcuni stranieri, per criminalizzare tutti gli immigrati, descrivendoli minaccia alla sicurezza. In una democrazia ci sono responsabilità individuali,NON colpe/punizioni collettive". 

Rula Jebreal, giornalista italo-israeliana di origine palestinese, cresciuta in Israele e poi trasferitasi in Italia, ha provocato una durissima reazione di Fratelli d'Italia che con diversi parlamentari è intervenuta a difesa della leader del partito esprimendo sconcerto per dichiarazioni giudicate offensive e "indegne".

Il tweet ha provocato una valanga di polemiche, anche il presidente M5s Conte ha scritto un post in difesa della Meloni: "Questo è fango su Giorgia Meloni. Io ,Meloni e Fratelli d'Italia, con il M5S li combatto in tutte le sedi, ma sul piano politico". 

"Rula questa è una bassezza. Non si fa politica così e tanto meno giornalismo. Quello che ha fatto il padre della Meloni non c'entra nulla con lei. Cancella questo tweet che tra l'altro ha l'unico effetto di portare ancora più gente a sostenere FDI", scrive Carlo Calenda, leader di Azione, rispondendo a Rula Jebreal.

Sulla questione è intervenuto anche Salvini: "Chi fa battaglia politica attaccando non l'avversario, ma mamma, papà, figli, mogli o mariti, è un piccolo uomo. O una piccola donna. Abbiamo vinto democraticamente le elezioni, fatevene una ragione".

"La nuova premier italiana Meloni minaccia di farmi causa per il mio tweet sul complotto della 'grande sostituzione'. Tutti gli autocrati usano queste minacce per intimidire e mettere a tacere coloro che li chiamano in causa e li smascherano. Signora Meloni: non sono intimidita!", ha scritto Rula Jebreal.

La vicenda del padre della Meloni risale a 27 fa, era il 1995, quando in Spagna il padre Francesco Meloni, fu condannato a nove anni di reclusione per narcotraffico alle Canarie. All'epoca la leader di Fratelli d'Italia aveva appena raggiunto la maggiore età e da sette anni aveva rotto i ponti con quel genitore che, quando aveva circa un anno, l'aveva abbandonata, lasciandola sola con la madre. La notizia è rispuntata in questi giorni sulla stampa spagnola.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie