Panicale

Umbria

Nella valle del fiume Nestore si adagia la cittadina di Panicale, in provincia di Perugia, inserita nell’associazione dei “Borghi più belli d’Italia” e bandiera Arancione del Touring Club.

Il borgo ha mantenuto intatta la sua struttura medievale originale, con una pianta a cerchi concentrici. 

Per accedere al centro storico bisogna attraversare Porta Perugina, che si apre direttamente su Piazza Umberto I, dominata da una maestosa Fontana quattrocentesca in travertino e dalla Collegiata di San Michele Arcangelo. La Chiesa si presenta con una facciata in stile rinascimentale e degli splendidi interni barocchi, all’interno dei quali sono conservate alcune delle più belle opere della scuola del Perugino, come la tavola dedicata alla Natività, e l’affresco dell’Annunciazione attribuito a Masolino da Panicale, maestro di Masaccio.

Meritevole di visita è anche la Chiesa di San Sebastiano, risalente al XIV secolo; all’interno della quale si può ammirare il Martirio di San Sebastiano (1505) del Perugino, che occupa un’intera parete dell’edificio.

Il punto più alto del borgo è Piazza Masolino, dove sorge il Palazzo del Podestà, edificato tra il XIII e il XIV secolo, è uno splendido esempio dello stile gotico-lombardo; oggi è sede dell’Archivio Storico e Notarile e al suo interno sono conservati alcuni atti risalenti addirittura al Trecento.

Da vedere è anche il Teatro Comunale, realizzato nel Seicento e intitolato all’autore Cesare Caporali; incarna i tratti tipici dei teatri all’italiana: pianta a ferro di cavallo, palchi su due ordini e loggione.

I suggeriti di ANSA ViaggiArt


Modifica consenso Cookie